Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Consorzio autostrade scolapasta, storia e vergogne del Cas tra pericoli e contenziosi milionari

Dai segreti degli arbitrati, alle miserie delle inchieste che hanno investito più volte la direzione dell’ente di Contrada Scoppo, una mappa ragionata nell'istant book di Enzo Basso anche della malapolitica che ora vuole portare l’ente nelle braccia capienti dell’Anas

“Cas, consorzio autostrade scolapasta” è il nuovo istant book del giornalista Enzo Basso, disponibile da oggi, sabato 3 luglio, in tutte le edicole. 126 pagine, Author publishing, dieci euro. Il libro è un viaggio-inchiesta nella storia del Cas, il consorzio delle Autostrade Siciliane, dai suoi primi passi, fino al progetto che ora vede impegnata la giunta Musumeci a modificarne, dopo sessant’anni, la natura giuridica, da ente non economico a economico, in vista del progetto di fusione e incorporazione con l’Anas.

Che cosa è successo nel frattempo?

Le autostrade siciliane sono bucate come uno scolapasta. Le corsie sono spesso a carreggiata unica, segnaletica impazzita, interruzioni e dossi, che hanno portato gli automobilisti a far nascere blog di protesta continua e le associazioni dei consumatori a chiedere che si tolga il pedaggio per l’entità dei disservizi registrati. Ma come si è arrivati a questa situazione di degrado assoluto, che ha portato il Ministero a rilevare ottocento “non conformità” e l’ispettore Placido Migliorino a chiedere la chiusura di ponti e cavalcavia per imminente pericolo di cedimento?

Il viaggio parte dalla presidenza di Vincenzo Ardizzone, il pioniere delle autostrade siciliane, un tempo esempio di studio per l’alta ingegneria delle opere realizzate, per arrivare alla crisi di tangentopoli degli anni Novanta che ha decapitato la classe dirigente dell’ente, sostituendola via via con direttori e burocrati di nomina politica.

“E’ nato allora il declino lento delle autostrade” chiosa l’ex direttore generale Eraldo Luxi, per anni direttore generale della Messina-Catania in tandem con il fratello Ubaldo alla guida della Messina-Palermo, che ha seguito per trent’anni la crescita del nastro autostradale da uno svincolo e da un casello all’altro. Ma, dai primordi delle prime opere del nastro d’asfalto, il contenzioso del Cas con le imprese è poi cresciuto fino a toccare la stratosferica cifra di seicento milioni di euro.

“Il libro”, confessa l’autore, “fa la storia delle autostrade, le speranze delle popolazioni che hanno vissuto gli anni del il boom e poi fa l’analisi di chi ha contribuito a trasformare il Cas in un carrozzone, a rischio di continuità aziendale”.

Dai segreti degli arbitrati, alle miserie delle inchieste che hanno investito più volte la direzione dell’ente di Contrada Scoppo, una mappa ragionata anche della malapolitica che, prima che si completi l’autostrada in costruzione, la Siracusa-Gela, ora vuole portare l’ente nelle braccia capienti dell’Anas, l’azienda di Stato chiamata a svolgere i controlli, finita essa stessa di recente incorporata nelle Ferrovie italiane.  Sessant’anni di storia, che viaggiano dalle prime esplosioni di dinamite per il Traforo dei Peloritani, per arrivare alla tangenziale di Messina e ai misteri del Viadotto Ritiro, la mega opera oggi in ristrutturazione che, per i ritardi accumulati nei lavori, ancora una volta metterà in ginocchio la circolazione autostradale per l’estate già alle porte.    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio autostrade scolapasta, storia e vergogne del Cas tra pericoli e contenziosi milionari

MessinaToday è in caricamento