menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il giorno della consegna delle domande al concorso per operatore ecologico

Il giorno della consegna delle domande al concorso per operatore ecologico

Qualcosa non va nella selezione dei cento operatori ecologici, lettera di Lombardo al Centro per l'Impiego

Il presidente della Messina Servizi Bene Comune ha scritto una missiva agli uffici di via Dogali chiedendo se sono stati effettuati controlli su determinati requisiti

C'è qualcosa che non va nella selezione per cento operatori ecologici alla Messina Servizi Bene Comune. “Avevamo chiesto al Centro per l’impiego di Messina la selezione per 100 operatori ecologici da assumere con contratto di lavoro a tempo determinato per la durata di dodici mesi, previa verifica di una serie di requisiti di ammissione alla selezione stessa - dice il presidente Pippo Lombardo - pertanto per queste verifiche è necessario avere certezza che sono state fatte”.

Nella lettera inviata al Centro per l'Impiego Lombardo sottolinea: “Visto quanto pubblicato in allegato all’avviso di selezione, si chiede, ai fini della verifica del requisito di cui al punto n. 7 della richiesta di avviamento prot. n. 9237/2019, se è stato richiesto ai partecipanti di produrre i certificati del Casellario Giudiziale, o di rendere una dichiarazione di autocertificazione. Allo stesso modo, se risulta che sia stata richiesta la produzione della certificazione attestante la idoneità fisico e psico-attitudinale all’impiego che costituisce oggetto del requisito n. 11 della richiesta di selezione. Chiediamo quindi di attestare l’avvenuta verifica – ove effettivamente eseguita – del possesso in capo alle persone che hanno partecipato alla selezione di tutti i requisiti richiesti, con la nostra nota con attestazione altresì della avvenuta verifica della situazione familiare, reddituale e patrimoniale dei soggetti che sono stati utilmente collocati negli elenchi trasmessi con nota prot. 59407 del 3/12/2019.

In assenza di tale attestazione, sarà il Centro dell’impiego ritenuto responsabile di ogni e qualsiasi violazione delle disposizioni vigenti e di qualsiasi errore nella collocazione in graduatoria dei soggetti ammessi, con preavviso di rivalsa di qualsiasi azione giudiziaria e domanda risarcitoria che verrà avanzata nei confronti della Società”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano, come scegliere quello giusto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento