Lorena Mangano, la Cassazione annulla la sentenza: si ripartirà dall'Appello

Sarà il tribunale di Reggio Calabria a determinare le pene per Gaetano Forestieri e Giovanni Gugliandolo. La decisione dei giudici della IV sezione penale

Sarà la corte d'appello di Reggio Calabria a pronunciarsi sulle pene di Gaetano Forestieri e Giovanni Gugliandolo, i due ragazzi coinvolti nell'incidente costato la vita alla 23enne Lorena Mangano.

Lo ha deciso la IV sezione penale di Cassazione del tribunale di Messina che nel pomeriggio ha di fatto annullato con rinvio la sentenza della Corte d'appello che aveva inflitto a Giovanni Forestieri dieci anni di carcere e sei anni per Gugliandolo. Quest'ultimo lo scorso luglio era tornato in libertà dopo l'accoglimento dell'istanza presentata dal legale Piero Luccisano.

Ad assistere Forestieri, invece, l'avvocato Salvatore Silvestro. 

La storia

Gaetano Forestieri e Giovanni Gugliandolo facevano una gara ad alta velocità, di notte, in una zona urbana comunque trafficata. Una gara che quella notte maledetta del 26 giugno 2016 in via Garibaldi ha messo la parola fine alla vita di Lorena Mangano. Ventitrè anni appena, studentessa che amava lo sport. Mentre attraversava  con la sua Fiat Panda l’incrocio con la via Torrente Trapani, è stata travolta dall’Audi TT guidata dal 34enne Forestieri, finanziere. Lorena è morta due giorni dopo al Policlinico. I suoi organi sono stati donati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina nascosta nell'airbag, acciuffato il broker della droga: ha 71 anni

  • Audizione dei veterinari in commissione sanità, l'assessore Razza grande assente: pronti per nuove proteste

  • L'ultimo annuncio di Radiostreet in Fm, Fiorino: "Un sogno interrotto"

  • Brutto incidente ad Antillo, ma l'ambulanza di Letojanni è rotta: soccorsi dopo un'ora e senza medico a bordo

  • Incidente sull'autostrada, quattro feriti per lo schianto con un camion

  • Dalle corse intorno al lago di Ganzirri all'esordio in serie A contro l'Inter: la favola di Massimiliano Mangraviti

Torna su
MessinaToday è in caricamento