rotate-mobile
Cronaca

Maltempo, vertice fra Comune e Prefettura: attivata l'unità di crisi, scuole chiuse

Da stasera alle ore 23,30 al Palazzo di Governo partirà il monitoraggio in tempo reale per gestire eventuali criticità. Consigliato il lavoro “agile” negli uffici pubblici. Chiusi anche cimiteri, ville, parchi e impianti sportivi comunali

L'ordinanza sindacale con cui sono state chiuse le scuole fino a venerdì 29 ottobre non basterà. Con l'allerta meteo rossa della protezione civile e l'arrivo del ciclone Madicane saranno prese ulteriori misure a tutela della popolazione. A lavoro in queste ore l'assessore Massimiliano Minutoli che durante un vertice con la Prefettura ha valutato ulteriori rischi e dove necessario preso ulteriori misure di sicurezza.

Domani resteranno chiuse, infatti, tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese materne e asili nido, le strutture educative ed assistenziali a gestione diretta e indiretta, i cimiteri, le ville e gli impianti sportivi comunali. Intanto dalle 23.30 di questa sera sarà attiva l'unità di crisi al Palazzo di Governo per coordinare eventuali interventi fino alla fine dell'emergenza. 

In Prefettura attivato il Centro coordinamento soccorsi

Intanto dalla prefettura arrivano le prime indicazioni. Nel Palazzo del Governo, in considerazione dei messaggi di allertamento, relativi all’ondata di maltempo prevista anche nell’ambito di questo territorio provinciale, è stata disposta l’attivazione del Centro Coordinamento Soccorsi (CCS), dalle ore 16 di oggi 28 ottobre fino a cessate esigenze, al fine di coordinare tutti gli interventi necessari a risolvere le eventuali criticità conseguenti alle incipienti, avverse condizioni metereologiche. 

Con circolari prefettizie, indirizzate ai Comuni di questa Città Metropolitana, è stata richiamata l’attenzione dei sindaci e dei commissari straordinari dei Comuni della provincia sul quadro di previsioni meteorologiche relative ai preannunciati eventi di rilevante intensità, di cui all’Avviso regionale di Protezione Civile per il Rischio Meteo-Idrogeologico e Idraulico n. 21301 dalle ore 16 del 28 ottobre 2021 fino alle ore 24 del 29 ottobre 2021.

Attenzione puntata su torrenti e fiumi 

In particolare, è stato loro richiesto di assumere, nell’immediatezza, ogni iniziativa necessaria alla salvaguardia della pubblica e privata incolumità, predisponendo tutte le misure previste dalle proprie pianificazioni di emergenza, atte ad evitare qualsiasi pericolo per la popolazione, provvedendo, altresì, nell’immediatezza alla costituzione dei C.O.C.

E’ stato, tra l’altro, stimolato il monitoraggio da parte degli Enti Locali della rete viaria presente nei rispettivi territori, attraverso l’attivazione di “presidi territoriali” - con compiti di vigilanza e intervento tecnico, particolarmente al verificarsi delle fasi emergenziali - nonché un attento monitoraggio dei corsi d’acqua e verifica delle opere idrauliche di pertinenza.

Si è, ulteriormente, sollecitata la costante osservazione di fiumi, torrenti e fiumare, onde scongiurare che eventuali esondazioni possano cagionare situazioni di pericolo per la popolazione presente nell’area, nonché una preventiva manutenzione della rete viaria, al fine di  evitare fenomeni di allagamento delle sedi stradali con conseguente rischio per gli utenti.

Uffici pubblici, chiesta l'attivazione del lavoro in forma “agile” 

Inoltre, in considerazione di quanto precede, in seno al CCS è stata condivisa la necessità di limitare al massimo gli spostamenti da e per i luoghi di lavoro e, pertanto, è stata rimessa ai dirigenti degli uffici pubblici e agli amministratori degli enti locali la prudente valutazione in ordine all’opportunità di disporre che per la giornata di domani, venerdì 29 ottobre, le prestazioni lavorative del personale dipendente avvenga, ove possibile, unicamente in forma agile.

Al Centro coordinamento soccorsi, coordinato dalla Prefettura, partecipano i vertici della Questura, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, dell’Ispettorato Ripartimentale Foreste, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, della Polstrada, delle Capitanerie di Porto di Messina e Milazzo, della Città Metropolitana e del Comune di Messina, del Dipartimento Regionale della Protezione Civile Servizio di Messina, del Policlinico Universitario, dell’Azienda Ospedaliera “Papardo”, del Presidio Ospedaliero “Piemonte” IRCCS “Bonino Pulejo”, del Servizio Urgenze Emergenze Sanitarie 118, dell’ANAS e del Consorzio Autostrade Siciliane.

Inoltre, dalle ore 23,30 e fino a cessate esigenze, sarà operativa presso la sala di Protezione Civile di questo Palazzo del Governo, l’unità di crisi per monitorare in tempo reale l’evolversi della situazione e coordinare eventuali interventi.

ORDINANZA-SINDACALE-245-del-29-ottobre-2021-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, vertice fra Comune e Prefettura: attivata l'unità di crisi, scuole chiuse

MessinaToday è in caricamento