rotate-mobile
Cronaca

Maltempo, proclamato lo stato di emergenza nel Messinese

La disposizione del governatore Musumeci dopo i numerosi danni causati da pioggia e vento. Nella lista anche 25 centri della provincia. Ancora in corso la stima dei danni

Anche 25 comuni messinesi (vedi lista) sono entrati in stato di crisi ed emergenza a causa dei danni del maltempo degli ultimi giorni. Lo ha stabilito il governatore della Regione Nello Musumeci che lo scorso 27 ottobre ha chiesto al governo il riconoscimento dello stato di calamità nazionale. Ieri sera un nuovo aggiornamento della lunga lista dopo la relazione della protezione civile.

La violenta ondata di maltempo con trombe d'aria che si è abbattuta sull'isola tra l'8 e il 17 novembre ha determinato infatti notevoli danni al patrimonio pubblico e privato di tutte le province, con interruzione di viabilità e pubblici servizi, allagamenti, cedimenti di opere di protezione di moli e porti, isolamento di frazioni, evacuazione di numerose famiglie. La stima dei danni è ancora in corso, ma per tutti gli eventi dei mesi di ottobre e novembre l'importo complessivo necessario per gli interventi urgenti è stato quantificato in 20 milioni di euro, quello per gli interventi strutturali di riduzione del rischio in 250 milioni.

I centri messinesi maggiormente colpiti

Alì, Alì Terme, Antillo, Casalvecchio Sieulo, Castelmola, Fiumedinisi, Furci Siculo, Gaggi, Giardini Naxos, Graniti, Itala, Letoianni, Limina, Malvagna, Monforte San Giorgio, Motta Camastra, Nizza di Sicilia, Novara di Sicilia, Pagliara, Roccafiorita, Roccalumera, Savoca, Scaletta Zanclea, Taormina, Tripi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, proclamato lo stato di emergenza nel Messinese

MessinaToday è in caricamento