Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Avis Messina, Marco Rocca eletto presidente: “Mancano all’appello circa 3000 sacche di sangue”

Il prestigioso incarico arriva proprio nel venticinquesimo anniversario del suo impegno a favore della donazione. L'impegno per arrivare all'autosufficienza

In coincidenza con la Giornata mondiale del donatore di sangue, il vicepresidente vicario dell’Avis Comunale di Capo d’Orlando e consigliere del CESV - Centro Servizi per il Volontariato di Messina Marco Rocca, è stato eletto alla guida dell’Avis Provinciale di Messina. Un riconoscimento, ma anche un grande onere, che arriva proprio nel venticinquesimo anniversario del suo impegno a favore della donazione di sangue, a cui è seguito, a distanza di qualche anno, quello nell’Admo – Associazione Donatori Midollo Osseo, per cui è sia donatore che componente del consiglio direttivo regionale.

«Esattamente 25 anni fa, grazie all’attuale vicepresidente dell’Avis comunale di Capo d’Orlando – sottolinea Marco Rocca – ho cominciato a donare. In qualità di presidente provinciale il mio impegno sarà indirizzato a raggiungere l’obiettivo dell’autosufficienza nell’approvvigionamento di sacche di sangue. Ancora oggi, a livello regionale e nazionale, ci sono territori in cui si dona di più e altri in cronica carenza. Nel Messinese, dove operano 19 Avis comunali e possiamo contare su più di 8 mila donatori, ad oggi mancano all’appello circa 3000 sacche di sangue per essere autosufficienti e rispondere ai bisogni di ospedali e sale operatorie. È questo l’obiettivo verso cui tendere, provando ad implementare il numero di Avis comunali ma anche dei donatori».

Un traguardo difficile ma non impossibile da raggiungere, considerando l’enorme sensibilità mostrata da volontari e operatori in piena pandemia, quando, a fronte di una preoccupazione diffusa circa la possibilità di mantenere i numeri di sacche dell’anno precedente, i donatori hanno risposto presente all’appello delle associazioni e degli ospedali, senza aggiungere il problema della carenza di sangue alle difficoltà in cui si dibatteva la sanità.

«In linea con l’estate scorsa, oggi il trend delle donazioni continua ad essere positivo – aggiunge il neo presidente dell’Avis provinciale – grazie all’impegno di tutti i donatori che si sono impegnati in piena emergenza Covid, quando sembrava assolutamente impossibile raggiungere gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Invece, non solo gli abitanti della città metropolitana di Messina hanno continuato a donare ma soprattutto stiamo vedendo che molti giovani si stanno avvicinando alla donazione. Un esempio? Quest’anno siamo stati invitati direttamente dagli studenti dell'Istituto di Istruzione Superiore “F.P. Merendino” di Capo d'Orlando a parlare di donazione, a ulteriore dimostrazione di come l’esigenza di saperne di più e poter dare il proprio contributo parta direttamente dai ragazzi».

Insieme a Marco Rocca sono stati eletti nel Consiglio direttivo dell’Avis provinciale: Agatino Di Blasi (Avis Alì Terme), Giovanni Garufi Visalli e Basilio Buttà (Avis Messina), Francesco Urdì (Avis Milazzo), Antonino di Blasi (Avis Falcone), Claudio Biviano Natoli (Avis Lipari), Maria Josè Mensa (Avis Sant’Angelo di Brolo), Rosaria Di Pietro (Avis Mistretta), a cui si aggiungono Patrizia Cascio (Avis Alì Terme), Marco Crisafulli (Avis Falcone) e Maurizio Crisafulli (Avis Messina) quali componenti del collegio dei revisori dei conti.

Dalla presidenza, dal direttore e dallo staff del CESV Messina, un augurio di buon lavoro a tutto il Consiglio e al neo presidente Marco Rocca, da sempre impegnato come volontario anche nell'ambito delle attività del CESV Messina, in particolare come referente nel coordinamento locale di Capo d'Orlando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis Messina, Marco Rocca eletto presidente: “Mancano all’appello circa 3000 sacche di sangue”

MessinaToday è in caricamento