Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Mare Sicuro, la guardia costiera aumenta i controlli anche nel Messinese

Iniziata lo scorso 15 giugno l'operazione per ridurre il rischio di incidenti durante la stagione balneare. Mezzi e uomini coinvolto fino al 15 settembre

Anche quest’anno, con l’arrivo della stagione estiva, la Capitanerie di Porto – Guardia Costiera sarà impegnato nell’operazione denominata “Mare e Laghi Sicuri 2024”, con l’incremento capillare delle attività di vigilanza e controllo lungo le coste dei comuni rivieraschi riservate alla balneazione ed in mare sui tratti più sensibili all’impatto ambientale. Nello specifico, in funzione della consistente presenza di cittadini che si riversano sulle spiagge ed in mare, con l’avvio di questa campagna da domani 15 giugno e fino al 15 settembre, nell’ambito delle proprie capacità operative, la Guardia costiera della Sicilia orientale, con l’impiego delle donne e degli uomini delle Capitanerie di porto lungo gli oltre 650 chilometri di coste di competenza della Direzione Marittima di Catania, con un opera di prevenzione, intende assicurare lo svolgimento in sicurezza di tutte le attività “ludico ricreative” e “commerciali” ed in particolare promuovere, nei confronti dei fruitori la cultura del mare, la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare e la tutela dell’ecosistema e della biodiversità marina.

L’operazione, che si svolgerà nel periodo estivo, vedrà impegnati ogni giorno 3.000 donne e uomini del Corpo, oltre 400 mezzi navali e 16 mezzi aerei, nel presidiare gli 8.000 km di coste del nostro Paese, come pure i laghi maggiori italiani. Da più di 30 anni l’attività operativa estiva vede le donne e gli uomini della Guardia Costiera al fianco di bagnanti, diportisti e subacquei che scelgono le coste, i mari e i laghi italiani per il proprio svago. Ma non solo: una particolare attenzione viene rivolta anche alla tutela dell’ambiente, a garanzia del regolare utilizzo della fascia costiera; un’attività - quest’ultima - che ha portato, nella scorsa stagione estiva, a restituire alla libera fruizione dei cittadini aree demaniali illecitamente occupate per oltre 197.872 metri quadrati. Questi alcuni dei dati salienti relativi alla scorsa estate: 1.716 persone soccorse (di cui 218 sui laghi maggiori), 495 unità da diporto soccorse (di cui 64 sui laghi), 244 mila controlli (42.354 sul diporto nautico).

Le coste saranno sorvegliate giornalmente per garantire la sicurezza in mare da 45 mezzi navali dislocate lungo i porti della Sicilia Orientale, da Santo Stefano di Camastra (Messina) a Scoglitti (Ragusa), e dai velivoli della base aerea della Guardia Costiera di Catania Fontanarossa: 2 ATR, 1 Piaggio P180 e 6 elicotteri AW139, equipaggiati con personale specializzato nel soccorso aeromarittimo. Lungo le spiagge ed i litorali costieri diverse pattuglie di militari della Guardia Costiera verificheranno le buone pratiche di sicurezza negli ambiti di interesse della Capitanerie di porto.

Nella fase iniziale verranno svolte attività di sensibilizzazione a mezzo delle associazioni di categoria, in favore degli operatori interessati all’esercizio delle attività correlate alla stagione estiva ed in generale a tutto il al comparto nautico-balneare, prime fra tutte le attività ricreative e sportive espletate presso gli stabilimenti balneari. A questa fase seguirà un’attenta verifica del rispetto di tutte le disposizioni impartite a mezzo delle ordinanze di sicurezza balneare emanate dai rispettivi Uffici Circondariali marittimi del Corpo, per verificare che le attività sul mare si svolgano secondo i dettati normativi e con lo scopo della sicurezza dei bagnanti e di tutti color che usufruiscono del mare. In ultimo, in sinergia con le amministrazioni comunali rivierasche nei molteplici ambiti di iterazione tra le attività turistico-balneari, con particolare riferimento alla sicurezza delle spiagge di libero accesso per cui sono state attivate una serie di iniziative finalizzate ad implementare i presidi di sicurezza balneare e la cartellonistica contenente le avvertenze previste dalle vigenti ordinanze di sicurezza balneare degli
Uffici Circondariali marittimi del dipendenti dalla Direzione marittima di Catania, territorialmente competenti, a cui si raccomanda la presa visione sui rispettivi siti istituzionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare Sicuro, la guardia costiera aumenta i controlli anche nel Messinese
MessinaToday è in caricamento