Fermata dai carabinieri agli sbarchi Caronte, in auto con limoni e melograni due chili di marijuana: arrestata 39enne

I militari hanno condotto la vettura in caserma dopo essere giunta dalla Calabria, nel bagagliaio c'era anche tanta droga oltre alla frutta

Controlli dei carabinieri alle auto sbarcate alla rada San Francesco

Non c'erano solo limoni e melograni ma anche oltre due chili di marijuana nel bagagliaio dell'auto. I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Messina Centro hanno arrestato, in flagranza di reato, una 39enne messinese, ritenuta responsabile del reato di detenzione illecita di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Durante un controllo di polizia presso gli imbarcaderi della “Caronte & Tourist”, in prossimità del viale della Libertà, i carabinieri hanno controllato un’autovettura, appena scesa dal traghetto proveniente da Villa San Giovanni. Insospettiti dall’atteggiamento visibilmente nervoso della conducente, una donna di 39 anni, hanno deciso di condurla presso gli uffici della Compagnia Messina Centro per effettuare una perquisizione. Nel bagagliaio della macchina i Carabinieri hanno rinvenuto 4 buste in plastica sigillate, contenenti sostanza vegetale occultate all’interno di una scatola di cartone all’apparenza riempita di soli limoni e melograni, il cui contenuto, dalle successive analisi di laboratorio, è stato individuato in sostanza stupefacente di tipo marijuana, per un totale di oltre 2 chili. La donna è stata arrestata mentre la sostanza stupefacente, oltre alla somma di denaro contante equivalente ad oltre 1.000 euro trovata in possesso e ritenta provento di attività illecita, è stata sottoposta a sequestro. L’arrestata, al termine delle formalità di rito, su disposizione della procura di Messina, è stata condotta presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi. Il giudice ha disposto i domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento