Gioele, fissata martedì l'autopsia: l'inchiesta verso un punto decisivo

A inizio della prossima settimana i resti saranno esaminati per fornire alla procura di Patti gli elementi determinanti a chiarire i tanti dubbi sulla morte di madre e figlio. Il medico legale si è recata in sopralluogo a Caronia

Gioele con la madre Viviana Parisi

Fissata la data dell'autopsia sui resti del piccolo Gioele. Martedì l'inchiesta sulla morte del bambino e della madre Viviana Parisi arriverà a un punto decisivo. Sempre martedì si svolgerà il sopralluogo previsto oggi tra le campagna di Caronia nei pressi dell'autostrada Messina-Palermo dove sono stati ritrovati cadaveri mamma e figlio dopo essere scomparsi il 3 agosto. Oggi Elvira Venuto Spagnolo, il medico legale che ha eseguito l'autopsia sul corpo di Viviana Parisi, si è recata sul luogo del ritrovamento del corpo di Viviana Parisi e del figlio Gioele, a circa 300 metri di distanza in linea d'aria, nelle campagne di Caronia. Prime verifiche in attesa dei controlli di martedì quando sarà impegnato anche l'entomologo forense che dovrà eseguire l'autopsia sul corpicino di Gioele.

Sono in corso le analisi sugli indumenti della donna ritrovata l'otto agosto anche se il Dna estratto dai vestiti potrebbe essere deteriorato perché "intriso da materiale putrefatto" secondo il medico legale. L'esame è stato eseguito presso il laboratorio della Polizia scientifica di Palermo sugli indumenti trovati addosso a Viviana quando è stata ritrovata senza vita in avanzato stato di decomposizione. Presente anche il medico legale incaricato dalla Procura di Patti, Elvira Ventura Spagnolo, che ha eseguito gli esami su una campionatura. Successivamente la polizia scientifica farà delle indagini genetico forensi sui campioni. "Abbiamo fatto dei prelievi - ha spiegato il medico legale all'Adnkronos - al fine di effettuare delle successive indagini di carattere genetico-forense. Quindi l'estrazione di Dna per capire intanto la tipologia di materiale presente sull'indumento. E a quel punto viene individuato se si tratta di materiale di natura umana e si estrae il Dna". "Bisogna considerare che essendo un indumento indossato da un cadavere in avanzato stato di putrefazione può essere intriso di materiali putrefattivi e quindi il Dna può essere deteriorato, dunque non necessariamente la sua estrazione può essere agevole", dice ancora il medico che ha anche eseguito l'autopsia sul cadavere di Viviana Parisi ed eseguirà tra pochi giorni l'esame medico legale sul piccolo Gioele. Oggi per la dottoressa "non poteva emergere nulla perché si effettuano i prelievi successivi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venetico piange accanto a Daniele Mondello


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rientro in classe, la pediatra Caputo: “Con queste regole si rischia il caos”

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento