Cronaca

Raccolta differenziata, seicento mastelli in Braille per l'Unione ciechi: il primato di Messina

La consegna di Messinaservizi Bene comune. De Luca “La nostra amministrazione sta cercando di adottare tutte le misure necessarie per abbattere le barriere architettoniche e culturali”

E' un primato per Messina. Nato dalla sensibilità di Pietro Currò che si è posto il problema e dalla disponibilità del sindaco Cateno De Luca che ha saputo renderela concreta. Oggi Messina presenta i mastelli con codice Braille per agevolare la raccolta differenziata per le persone con gravi disabilità visive.

 “Siamo molto soddisfatti di essere la prima città metropolitana in Sicilia ad usare per la raccolta differenziata anche mastelli con codice braille  - ha spiegato il sindaco durante l'incontro di presentazione - La nostra amministrazione sta cercando di adottare tutte le misure necessarie per abbattere le barriere architettoniche e culturali, che non permettono alle persone diversamente abili di condurre una vita normale rendendoli così partecipi alle attività della comunità”.

L'incontro nella  sede dell’Unione Italiana ciechi di Messina, durante la quale Messinaservizi Bene comune  ha donato 600 kit di mastelli con codice braille per la raccolta differenziata.  “Abbiamo pensato con l’Unione Italiana Ciechi di organizzare questa iniziativa  – dice il presidente di Messinaservizi bene Comune Giuseppe Lombardo – grazie anche  ad una segnalazione di Pietro Currò. Questo per noi era un atto necessario per portare avanti un progetto di inclusione sociale, anche partendo dalle piccole azioni quotidiane. Questi particolari mastelli verranno intanto consegnati nelle aree dove è già iniziata il porta a porta e poi nel resto della città. E’ compito innanzitutto delle istituzioni fare in modo che tutti i cittadini possano sentirsi parte del cambiamento, portando avanti delle buone pratiche come quella della differenziata”.

Il presidente regionale Unione Italiana Ciechi e presidente della Stamperia Regionale Braille di Catania Gaetano Minincleri ha spiegato come avverrà la raccolta porta a porta con questi particolari mastelli: “Nel coperchio di ogni mastello c’è scritto in  codice braille quale materiale è possibile conferire, in questo modo non  vedenti ed ipovedenti potranno correttamente effettuare la raccolta differenziata. Siamo grati all’amministrazione  per questa sensibilità verso chi ha disabilità visive e speriamo in altre iniziative anche in ulteriori settori come il trasporto pubblico. Oggi è un giorno bellissimo si aggiunge altro tassello per l'integrazione a Messina che ha dato un ottimo segnale e speriamo che sia seguita da altri".

Pietro Currò del Cda della Stamperia e Regionale Braille ha spiegato alcuni degli innumerevoli prodotti che possono essere realizzati per l’integrazione culturale e sociale dei non vedenti ed ipovedenti, sottolineando: “Siamo pronti a coadiuvare l’amministrazione fornendo supporti con testi in braille per rendere la città sempre più a misura per i disabili visivi. Possiamo creare anche audiolibri, opuscoli in stampa congiunta NeroBraille,  mappe tattili, o modelli architettonici tridimensionali per i non vedenti. Sono loro gli utenti della Stamperia, ed insieme ad essi vengono progettate e sperimentate nuove produzioni e soluzioni che possano agevolarli nella loro vita quotidiana”.

Infine, il presidente provinciale Uic  Francesco Ioppolo ha affermato “Gli spazi preclusi hanno sempre avuto come intento quello di  dividere, segregare, escludere. Creare delle opportunità, creare ponti, facilitare le comunicazioni tra gli abitanti della città, questo è un segnale estremamente positivo. Speriamo venga fatto presto qualcosa anche per abbattere le barriere architettoniche presenti in città”.  Alla conferenza erano presenti anche la consigliera di Messinaservzi Bene Comune Mariagrazia Interdonato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata, seicento mastelli in Braille per l'Unione ciechi: il primato di Messina

MessinaToday è in caricamento