Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Vaccini e deontologia double-face, scoperti medici che li somministravano ma sono no vax

Si tratta di operatori in servizio nelle Usca che non hanno adempiuto all'obbligo dell'immunizzazione prevista dalla normativa. Ancora quattro professionisti in servizio nelle strutture Asp sospesi dall'incarico

Sono medici no vax ma non hanno alcuna difficoltà a somministrare le dosi a pazienti e cittadini. È l’ennesimo paradosso che emerge dai controlli dell’Asp sulla campagna vaccinale a Messina e che investe non solo la salute ma anche una certa deontologia “double-face” che non può essere certo giustificata dai compensi percepiti per le somministrazioni ai sanitari (fino a 80 euro l'ora). 

Saranno sospesi a breve sette medici in servizio nelle Usca della provincia di Messina che ancora non si sono sottoposti all'immunizzazione obbligatoria per il personale sanitario. Secondo quanto confermato dalla direzione dell'Azienda si tratta di medici che, pur essendo stati diffidati ad adempiere in tempi rapidi all'obbligo vaccinale, non hanno comunque provveduto a ricevere il vaccino. Fra questi anche i medici che lo somministravano. 

Gli accertamenti erano già stati avviati ad agosto, in ottemperanza al decreto legislativo 44 del 2021, che prevede la sospensione per tutti coloro che non abbiano provveduto all'obbligo vaccinale. Dopo le prime verifiche da parte dell'Asp coadiuvata dall'ordine dei medici, erano state inviate anche le diffide. Ma evidentemente i medici delle Usca non hanno ancora ritenuto di doversi a loro volta sottoporre all'immunizzazione. 

Per loro è pronto il foglio di via da parte dell'azienda. "O vi vaccinate o non vi vogliamo", spiega categoricamente Bernardo Alagna, direttore generale dell'Asp.  Oltre gli operatori delle Usca, sono ancora 4 i medici in servizio nelle strutture dell'Asp sospesi dal servizio perché non vaccinati. Un dato positivo, se si pensa che a inizio agosto erano quasi 50 i professionisti che non si erano ancora sottoposti all'immunizzazione. La maggior parte di questi ha cambiato la propria posizione ed è stata così reinserita immediatamente al lavoro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini e deontologia double-face, scoperti medici che li somministravano ma sono no vax

MessinaToday è in caricamento