rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Siringhe piene di vaccino buttate nella spazzatura, nei guai un medico dell'hub di Taormina

Il giovane dovrà rispondere di falso e tentato peculato. "Dispiace che proprio il personale sanitario tradisca quella che è la missione che dovrebbe avere", commenta il presidente dell'ordine Giacomo Caudo

Siringhe di siero anticovid buttate nella spazzatura ma con il liquido dentro ancora ben visibile. Ad accorgersene gli infermieri che dopo aver osservato attentamente la situazione hanno chiuso il cerchio sul giovane medico che prestava servizio all'hub di Taormina, oggi accusato di non aver mai somministrato i vaccini.

Ad avviare l'indagine il pm Rosa Raffa che ha ricevuto una documentazione dettagliata dall'Asp. Le accuse sono falso e tentato peculato. Perché pur non iniettando il vaccino, infatti, il medico avrebbe comunque attestato l'avvenuta vaccinazione per i pazienti da lui presi in carico. 

Il medico sembra abbia negato ogni addebbito ma per lui è partita immediatamente la sospensione dall'Ordine dei medici. "Dispiace che proprio il personale sanitario tradisca quella che è la missione che dovrebbe avere - commenta il presidente dell'ordine Giacomo Caudo - Eppure la storia recente del covid ci insegna la grande importanza della vaccinazione in termini di esclusione della malattia". 

E mentre è stata già avviato il richiamo della terza dose ancora sono tanti i non vaccinati, anche all'interno del personale sanitario stesso. "Immunizzarsi vuol dire volersi bene e volere bene agli altri - conclude Caudo - Non bisogna ragionare con le suggestioni che ingannano maggiormente quando non ci sono competenze. L'evidenza scientifica è l'unica via di partenza". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siringhe piene di vaccino buttate nella spazzatura, nei guai un medico dell'hub di Taormina

MessinaToday è in caricamento