Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, al mercato Vascone richiesti controlli

Nella struttura di via Catania segnalato dal consigliere del III Quartiere Geraci che i divieti non stanno funzionando e sollecita il Comune ad aiutare il Comitato di gestione

Al mercato Vascone la Fase2 del coronavirus è stata presa alla leggera. Alessandro Geraci, presidente della commissione Mercati al III Quartiere, ha richiesto maggiore sicurezza e un aiuto al comitato di gestione del Vascone. Si spera in accessi regolamentati, obbligo di utilizzare dispositivi di protezione e il supporto della polizia municipale. "La quantità di persone in giro per la città è nettamente aumentata - scrive Geraci - considerando che i luoghi particolarmente affollati come i mercati possono essere un facile veicolo per il covid-19, è necessario garantire che le attività di vendita al dettaglio all'interno del Vascone si svolgano nel massimo rispetto delle prescrizioni dettate dal Dpcm e dalle istruzioni riportate e diffuse dal ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanita?, garantendo quanto più possibile il distanziamento sociale e l’utilizzo di guanti e mascherine". Oggi in commissione Geraci ha presentato una serie di proposte all'amministrazione comunale. "L’ordinanza comunale n 132 alla lettera R punto 5 – spiega Geraci - precisa che spetta al comitato di gestione il compito di vigilare gli ingressi, evitando che si creino degli assembramenti all'esterno dei mercati. Oltre al rispetto della distanza interpersonale di un metro all'interno delle aree, l’ordinanza obbliga inoltre gli operatori a far sì che gli ingressi avvengono in modo dilazionato, in modo da evitare pericolosi assembramenti. 

Insieme alla commissione - sostiene Geraci - riteniamo tuttavia che il comitato di gestione abbia bisogno di maggiore supporto, con l’ausilio di personale della polizia municipale, della protezione civile o di associazioni di volontariato al fine di garantire la sicurezza di tutti all'interno dell’area». Conclude, elencando le proposte da sottoporre alla Giunta: Un accesso regolamentato e scaglionato, separando i varchi di entrata e uscita con apposita segnaletica sia all'interno che all'esterno dell’area; definire la capienza massima delle persone all'interno dell’area; assicurare la presenza di personale addetto per fornire assistenza e vigilare sul rispetto delle misure igienico-sanitarie e della distanza di sicurezza tra le persone; rilevazione della temperatura corporea dei clienti e degli operatori commerciali prima del loro accesso nell'area, con inibizione dell’accesso per coloro che presentano una temperatura uguale o superiore a 37,5° C; obbligo per gli operatori commerciali di utilizzare guanti e mascherina; obbligo per i clienti di utilizzare guanti e mascherina; distribuzione ai clienti di mascherine (qualora ne fossero sprovvisti); distribuzione di guanti monouso o installazione di distributori con soluzioni disinfettanti all'ingresso".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, al mercato Vascone richiesti controlli

MessinaToday è in caricamento