Cronaca

Messina Social City, la Uil-Fpl ricorre al Giudice del lavoro per comportamento antisindacale

Senza esito le richieste di incontri formali inoltrate ai vertici della Partecipata. Il sindacato costretto a ricorrere al giudice ordinario

Si è dovuta rivolgere al giudice la UIL FPL di Messina per affrontare alcune tematiche sindacali all'interno della Messina Social city. Lo annuncia Livio Andronico, segretario generale della Uil-Fpl di Messina. "A seguito di richieste di incontri formali inoltrate ai vertici della Messina Social City, al fine di affrontare alcune importanti tematiche sindacali quali: Organizzazione del lavoro; Inquadramento professionale; Utilizzo del proprio mezzo di trasporto; Contratto di lavoro ed istituti da applicare. Pertanto, non essendo stata convocata dall’Azienda Speciale del Comune di Messina, la Uil FPl è stata costretta a presentare al Giudice Ordinario tramite il proprio legale avvocato Oreste Puglisi, un ricorso per condotta antisindacale ai sensi all’art.28 della legge 300/1970", si legge in una nota.

Purtroppo, molti gestori di servizi pubblici, interpretano la loro funzione, quale gestione esclusiva delle risorse umane, senza alcun rispetto, in molte occasioni, del CCNL calpestando pertanto la democrazia nei luoghi di lavoro. Auspichiamo che il Giudice Ordinario possa restituire ai lavoratori il diritto di essere rappresentati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina Social City, la Uil-Fpl ricorre al Giudice del lavoro per comportamento antisindacale
MessinaToday è in caricamento