Seguono un messinese su un Mercedes scoprono un maxi traffico di droga, arresti e sequestri nella capitale

Cinquantadue chili di cocaina, 50 di hashish e quasi 390mila euro in contanti. Il bilancio dell'operazione della Squadra Mobile di Roma.

Cinquantadue chili di cocaina, 50 di hashish e quasi 390mila euro in contanti sequestrati. E' il bilancio di una operazione portata a termine lunedì sera da Ponte di Nona a Capannelle dai poliziotti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Roma, nel corso di una mirata attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti nella Capitale. Il monitoraggio delle maggiori piazze di spaccio, in particolare quelle nel quadrante est della città, e l'intensa attività info-investigativa, hanno consentito nei giorni scorsi di riscontrare la presenza in zona Ponte di Nona di un furgone Mercedes coinvolto in episodi illeciti e il cui proprietario non risultava risiedere nelle vicinanze.

Alla guida un 54enne di Messina, noto per reati contro il patrimonio e in materia d'armi, trovato con 1,2 kg di cocaina. Approfondito così il contesto nel quale si muoveva l'uomo, ritenuto parte attiva di una organizzazione criminale più ampia e ramificata, le attività di osservazione si sono estese anche in zona Casal Lumbroso, dove risultava abitare l'intestatario del furgone, un 37enne individuato nei pressi della propria abitazione insieme a un 26enne che si trovava alla guida di un altro furgone Mercedes.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi conosciuti alla giustizia e originari della provincia di Vibo Valentia, risultano legati da rapporti di parentela al latitante Gianluca Tassone, condannato a 13 anni e 7 mesi per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Il controllo sul furgone guidato dal 26enne, intento ad uscire da un garage di via Giorgio Bo, ha permesso di rinvenire e sequestrare 52 kg di cocaina e un trolley contenente 388.980 euro in contanti, nonché numerosi telefoni cellulari e sim telefoniche di gestori esteri. La droga, oltre al tradizionale pacco da un chilo, si presentava modellata in tegole curve da 200 grammi ognuna e, una volta immessa sul mercato, avrebbe fruttato più di 5 milioni di euro. Mercoledì pomeriggio, invece, gli uomini della Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile hanno arrestato un 63enne di origini napoletane e un 57enne romano trovati in possesso di più di 50 kg di hashish nascosti in un'auto di proprietà di una società riconducibile a uno dei due. All'interno del portabagagli e abilmente occultate nel vano porta ruota di scorta nascondevano tre voluminose buste contenenti più di 90 panetti di hashish, per un totale di 50,2 kg. Entrambi già noti per droga, sono stati portati nelle Case Circondariali del Lazio, a disposizione della Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Militari con i manganelli per dare la “caccia” al coronavirus, paura e tensione fra i bimbi della scuola Pietro Donato

  • Getta i rifiuti fuori orario e prende a pugni un vigile urbano: denunciato comandante degli aliscafi

  • Smart working, De Luca in tv al ministro Dadone: “Non ha idea di quello che sta succedendo nei comuni”

  • Caronia, nuovi indizi dai legali: sempre più dubbi sulla caduta di Viviana dal traliccio

  • Positivo al coronavirus ma va in palestra, indagini in corso della polizia municipale

  • Grave incidente in autostrada vicino lo svincolo di Messina centro, due feriti al Policlinico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento