Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Arriva l'estate, davvero

Ultima settimana di instabilità e temporali, poi dovrebbe arrivare la svolta estiva: nella terza decade di giugno l'anticiclone riuscirà a stabilirsi sul Mediterraneo, portando caldo e belle giornate

Le giornate uggiose, caratterizzate da temporali e instabilità, potrebbero essere giunte al termine. La settimana in corso sarà ancora decisamente movimentata dal punto di vista meteorologico, ma l'estate e il bel tempo tanto atteso sono in arrivo. Un nuovo vortice mediterraneo porterà ancora forti piogge sull'Italia nei prossimi giorni, con rovesci e temporali sparsi almeno fino a giovedì. Fenomeni intensi, nubifragi e anche grandinate che potrebbero colpire in un contesto "fresco", con temperature in calo soprattutto al Nord.

Meteo, quando arriva l'estate

Ma, come spiegano gli esperti di 3bmeteo, la svolta estiva sta per arrivare: "L'estate nella sua accezione più stabile e calda potrebbe arrivare la prossima settimana, ma con essa anche il primo caldo africano della stagione. L'anticiclone subtropicale sembra infatti riuscire almeno in parte ad ergersi sul Mediterraneo nella terza decade di giugno, portando a tempo generalmente più soleggiato e con temperature questa volta in netto aumento. In particolare al Centrosud si potrebbero registrare i primi picchi di oltre 33-34°C; caldo afoso anche al Nord ma qui con possibili periodici break temporaleschi". Una situazione in evoluzione che già dal prossimo weekend vedrà un primo miglioramento, con meno precipitazioni e più caldo.

L'infografica di 3bmeteo
L'infografica di 3bmeteo

La fine di una primavera piovosa

Il cambio di rotta dell'anticiclone sancirebbe la fine di un periodo piovoso che ha caratterizzato gran parte della primavera. Prima aprile e poi maggio, sono stati due mesi sotto la media per quanto riguarda le temperature massime: "Nel suo insieme la primavera è invece risultata lievemente sopra media ma per via di fasi molto miti a marzo - spiegano i meteorologi di 3bmeteo - Maggio è inoltre risultato eccezionalmente piovoso su gran parte d'Italia, con accumuli complessivi che hanno raggiunto o superato i 150-200mm, ma con picchi anche di oltre 450-500mm in particolare su pedemontana piemontese, Appennino romagnolo e rilievi etnei. In numerosi casi l'accumulo medio mensile è stato così più che raddoppiato-triplicato, se non in alcuni casi anche quintuplicato. La causa è stata l'assenza pressoché totale per oltre un mese dell'alta pressione, totalmente sbilanciata sul Nord Europa con il Mediterraneo preda ora di vortici ora di perturbazioni". Un periodo all'insegna del maltempo che potrebbe essere giunti finalmente al termine.

Fonte:  Today.it...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva l'estate, davvero
MessinaToday è in caricamento