Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Nuovo centro per la quarantena migranti a Villafranca, la Prefettura: “Nessuna decisione, solo tre offerte da valutare”

Dal Palazzo del governo rassicurazioni dopo l'annunciata protesta del sindaco Matteo De Marco contro l'accoglienza di extracomunitari al parco degli Ulivi. “Le procedure sono ancora in corso e comunque consulteremo i primi cittadini dei territori interessati”

Nessun nuovo hotspot né un centro per immigrazione al posto di quello chiuso a Bisconte. C’è solo una manifestazione di interesse, per individuare strutture che possano accogliere migranti in quarantena per un tempo limitato e comunque necessario all’accoglienza dei migranti visto il grave momento di emergenza legato al Covid.

E’ questa la posizione della Prefettura di Messina dopo le polemiche che si sono innescate rispetto ad un possibile nuovo centro immigrati al Parco degli Ulivi di Villafranca Tirrena. Il sindaco Matteo De Marco ha già atto sapere che è pronto a protestare perchè la struttura non avrebbe requisiti di sicurezza e tale destinazione sarebbe discordante con la natura turistico-ricettiva dell'area.

Migranti da Bisconte a Villafranca, è già protesta al Comune

Una preoccupazione che è già all'attenzione dei vertici del Palazzo del Governo. Con due puntualizzazioni: non solo non si tratterebbe di un hotspot ma, in ogni caso le procedure, sono ancora in corso. Niente è stato ancora deciso. Ci sono solo tre offerte pervenute su richiesta della Prefettura, non solo quella del Parco degli Ulivi in località Romeo a Villafranca. Le altre due restano top secret. “Si tratta di procedure ancora in corso - spiega il Capo di gabinetto della prefettura Caterina Minutoli -  di offerte ancora da valutare. E comunque nessuna decisione verrà presa senza confrontarsi prima con i sindaci dei territori interessati che potranno rappresentare le loro considerazioni  e perplessità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo centro per la quarantena migranti a Villafranca, la Prefettura: “Nessuna decisione, solo tre offerte da valutare”

MessinaToday è in caricamento