Scandalo migranti, minori detenuti illegalmente all'hotspot di Bisconte: chiesto l'intervento del prefetto

Verificata la denuncia dell'avvocato Carmelo Picciotto sulla presenza di quattro adolescenti che dal 29 luglio vivono nel lager destinato a chiudere. Il garante dell'Infanzia: “Promiscuità vergognosa e inaccettabile. Quei ragazzini devono andare via da lì”

Una richiesta urgente al prefetto di Messina e al procuratore della Repubblica per i Minorenni per chiedere l'immediato trasferimento dei quattro ragazzini dall'hotspot di Bisconte. Si tratta di due giovani di 17 anni, uno di 16 e uno ancora di 15 anni compiuti solo il 10 luglio scorso, tutti di nazionalità tunisina, che da diciotto giorni sono reclusi nel centro migranti finito nell'occhio del ciclone per le carenze urbanistiche e strutturali.

Uno scandalo, l'ennesimo, nell'accoglienza e la gestione dei migranti, resa nota grazie all’intervento dell'avvocato Carmelo Picciotto dell’Associazione per gli Studi sull’Immigrazione (ASGI) in una nota inviata il 12 agosto a prefetto, questore, garante regionale delle persone detenute e al garante dell’infanzia del Comune di Messina e denunciata nel suo blog dal giornalista Antonio Mazzeo, antimilitarista, saggista da sempre impegnato nella difesa dei più fragili.  

I quattro adolescenti dal 29 luglio vivono nel “lager” destinato a chiudere. “Sono stato contattato giorno 8 da un cittadino tunisino che risiede e lavora in Italia che mi ha segnalato che nell’hotspot dell’ex Caserma Gasparro sono presenti due suoi cugini minorenni provenienti dalla provincia di Monastir”, spiega il legale. “Ho formalmente fatto richiesta alle autorità competenti di verificare la correttezza delle informazioni e a provvedere per disporre la collocazione dei minori predetti in altre strutture. Mi ha risposto ieri solo il garante dell’infanzia assicurandomi il suo interessamento, ma i minori sono sempre lì a Bisconte, in una struttura di detenzione assieme ad adulti”.

Dalle informazioni in nostro possesso, nel lager di Bisconte i cittadini tunisini di minore età provenienti da Monastir sono quattro, a cui si aggiungerebbe un altro ragazzo originario della città di Zarzis. I minori erano giunti a Lampedusa la notte del 25 luglio, dove sono stati trattenuti per tre giorni all’interno dell’altro hotpost-inferno, quello di contrada Imbriacola. Poi la deportazione manu militari in nave sino a Messina. Dal 29 luglio i cinque adolescenti tunisini sono costretti a vivere in promiscuità insieme a una moltitudine di migranti adulti, alcuni dei quali, nei giorni scorsi, sarebbero stati allontanati e messi in isolamento perché risultati positivi ai tamponi anti-Covid 19. Perplessità sugli accorgimenti precauzionali adottati per impedire i contagi all’interno del centro detentivo di Messina-Bisconte e sulle stesse modalità di esecuzione dei test sono state espresse dai congiunti dei minori illegalmente detenuti. “I nostri ragazzi ci hanno detto che con loro c‘è pure un ragazzo minore proveniente dalla Somalia, anch’egli costretto da più di 20 giorni a convivere con centinaia di persone senza il rispetto di alcun distanziamento”.

“Aldilà della gravità dell’intera vicenda, quello che preoccupa maggiormente ragazzi minorenni vengano messi in una struttura detentiva con adulti”, aggiunge l’avvocato Carmelo Picciotto. Gravissimo il silenzio e l’immobilismo delle autorità della città di Messina: ancora una volta regna sovrana l’insensibilità e incapacità di garantire tutela e diritti alle categorie protette, prime fra tutte quella dei minori stranieri non accompagnati.

Immediato l'intevento del Garante per l'infanzia del Comune di Messina, Fabio Costantino che ha scritto a prefetto e procuratore per i minorenni. “La promiscuità è vergognosa ed inaccettabile - spieha a MessinaToday - Sono minori ma non figli di un Dio minore. Un bambino italiano non lo avremmo lasciato un minuto insieme agli adulti. Quei ragazzi devono andare via immediatamente da quella vergognosa struttura. Abbiamo verificato che tutto quello che riferisce l'avvocato Picciotto risponde al vero. Ci sono pure i certificati di nascita che ho trasmesso al prefetto, a cui ho chiesto di intervenire per l'immediato trasferimento dei ragazzi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

Torna su
MessinaToday è in caricamento