Mili San Pietro senza internet su cellullare: "I nostri figli non possono più studiare"

Da un mese e mezzo niente connessione mobile per l'intero villaggio. La protesta dei residenti che continuano a pagare il servizio. Problemi per gli studenti impegnati nella didattica a distanza

Hanno scritto anche a Striscia La Notizia gli abitanti di Mili San Pietro, da un mese e mezzo senza internet sui propri cellulari. In tutto il villaggio, infatti, dallo scorso settembre non è più possibile navigare con la connessione mobile. All'origine sembra esserci un guasto al ripetitore, ma nonostante le continue segnalazioni il problema non si è ancora risolto.

Un disservizio che in piena emergenza Covid risulta ancora più penalizzante per le famiglie che popolano il piccolo borgo della zona sud di Messina. "Molti ragazzi - spiega Sebastiano Costantino - sono impossibilitati a seguire le lezioni scolastiche con la didattica a distanza. Non tutti, infatti, hanno la possibilità di un computer fisso e i dati mobili sono l'unica possibilità per non rimanere isolati".

I residenti del villaggio sono pronti a manifestazioni di protesta ben più importanti. "Dal gestore - continua Costantino - non abbiamo ricevuto una risposta certa su ciò che ha causato il guasto e sui tempi di ripristino. Noi aspettiamo ormai da settimane continuando a pagare per un servizio di cui non possiamo più usufruire". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Non ci sono bombole, malata di Covid rischia la vita: il medico del 118 denuncia tutto ai carabinieri

  • Scuole e coronavirus, Comune attacca ancora l'Asp: proroga della chiusura non improbabile

Torna su
MessinaToday è in caricamento