Cronaca

Missione italiana in Libano, militari siciliani al comando del contingente

Cerimonia alla presenza del generale Bruno Pisciotta, comandante del settore ovest della missione Unifil e comandante della brigata Aosta di Messina. Durante il loro mandato si occuperanno di attività logistiche, operative, sanitarie e di manutenzione trasferendo personale e viveri

C’è una parte di Sicilia e di Messina nel contingente militare impegnato in Libano. I militari siciliani del reggimento logistico Aosta di Palermo hanno, infatti, assunto il comando della logistica del contingente militare italiano schierato nel paese dei cedri. Ieri nella base “Millevoi” di Shama, alla presenza del generale di brigata Bruno Pisciotta, comandante del settore ovest della missione Unifil e comandante della brigata Aosta di Messina, si è svolta la cerimonia di trasferimento di responsabilità fra il reggimento logistico “Garibaldi” di Persano  e il reggimento logistico “Aosta” di Palermo, che ha assunto la guida del Combat service support battalion del contingente italiano in Libano.

Al colonnello Stefano Capriglione è subentrato il colonnello Vincenzo Papalini che avrà il compito, al comando del Combat service support battalion, di sostenere logisticamente il contingente italiano che opera nel settore ovest del Libano del sud.

Il generale Pisciotta, dando merito dei risultati conseguiti dal reggimento uscente, nel suo discorso ha rimarcato l’importanza che gioca la logistica nelle operazioni militari, e di come il ruolo del Combat service support battalion sia “fondamentale per assolvere il compito di una missione complessa come quella in Libano”. “Dietro ogni peacekeepers che pattuglia su rotabili cittadine, così come nei più impervi sentieri di montagna”, ha aggiunto il generale, “ci sono donne e uomini che manutenzionano sistemi d’arma, riforniscono e riparano autoveicoli, che consentono d’avere un pasto anche a tarda ora, permettendo di mantenere livelli d’efficienza costanti e duraturi nel tempo”.


Durante il loro mandato, i logisti siciliani svolgeranno attività logistico-operative, manutentive e sanitarie, movimentando personale, viveri e carbolubrificanti. Inoltre, gli assetti medici, alle dipendenze del Combat service support battalion, garantiranno con i propri medical team il supporto sanitario alle operazioni, il sostegno psicologico, quello veterinario, il campionamento delle acque, centinaia di visite mediche che saranno svolte presso le municipalità dell’area di responsabilità a favore della popolazione locale, oltre a quelle che si effettueranno presso l’infermeria della base italiana di Shama.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Missione italiana in Libano, militari siciliani al comando del contingente

MessinaToday è in caricamento