Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Baby-gang sui treni Messina-Taormina, misure cautelari per 4 minori accusati di tentata rapina

Anche una ragazza nel gruppo di giovani messinesi che ha aggredito un 43enne per rubargli orologio e borsello. L'uomo colpito ripetutamente

Quattro misure cautelari, di cui due in carcere, disposte dal gip del Tribunale per i Minorenni di Messina, nei confronti di quattro minorenni indagati per il reato di tentata rapina in concorso. Sono tati eseguiti stamattina dalla Polfer di Messina e Taormina guidati dal dirigente Francesco Benedetto.

I giovani, tra i 15 e i 17 anni, due messinesi e due della zona jonica, a seguito di accurate indagini svolte dagli agenti della polizia ferroviaria, sono stati ritenuti responsabili di un tentativo di rapina avvenuta l'8 settembre scorso, ai danni di un passeggero, a bordo di un treno, nella tratta tra Messina e Catania.

I poliziotti dopo aver raccolto le testimonianze della vittima, un 43enne italiano, e di alcuni passeggeri e dopo aver visionato le immagini dei sistemi di videosorveglianza  delle stazioni, messe a disposizione dalle "Ferrovie dello Stato Italiane — Protezione Aziendale", sono riusciti, tramite riscontri incrociati, a individuare gli autori. Tre di loro sono noti sempre alla Polfer che in passato li avva indagati per altri reati.

La Polfer ha ricostruito così la dinamica dei fatti. Mentre uno dei tre si era posizionato all'ingresso della carrozza dove viaggiava il 43enne, al fine di bloccare l'accesso ad altri viaggiatori, gli altri ragazzi gli hanno intimato di consegnare il denaro in suo possesso.  Al rifiuto dell'uomo, si sono scagliati contro di lui colpendolo ripetutamente per  sottrargli l'orologio ed il borsello. Solo l'intervento di due passeggeri, attirati dalle grida provenienti dalla carrozza attigua, ha posto fine all'aggressione.

L'uomo, che presentava diverse escoriazioni, ha riferito ai poliziotti che i giovani si erano dileguati scendendo dal convoglio. L'attività criminosa della baby-gang è stata, così, interrotta grazie alle misure cautelari disposte dall'Autorità Giudiziaria ed eseguite dalla Polizia Ferroviaria.

Due giovani sono stati condotti in carcere, mentre gli altri due minori sono stati collocati in due diverse comunità individuate dalla Direzione del Centro per la Giustizia Minorile per la Sicilia con sede a Palermo. Fra i quattro minori anche una ragazza della zona jonica.

Le misure sono state richieste dal procuratore del Tribunale per i minorenni, Andrea Pagano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby-gang sui treni Messina-Taormina, misure cautelari per 4 minori accusati di tentata rapina

MessinaToday è in caricamento