Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Litoranea Nord / Sant'Agata

Mini autodromo dello Stretto in degrado, i modellisti messinesi: "Non uccidete la nostra passione"

Il futuro dell'impianto di Sant'Agata passa dalla volontà dell'amministrazione comunale. Rinviati al 2022 gli Europei già programmati in città. L'appello dell'associazione Messina World per rilanciare la struttura

Continua a tenere banco il futuro del mini autodromo dello Stretto. L'impianto, da anni in condizioni di degrado e abbandono, rischia di essere addirittura demolito e sostituito da altre struttre sportive. Durante il confronto in commissione Sport della scorsa settimana, l'assessore allo Sport Francesco Gallo ha parlato di un possibile affidamento esterno dell'area in cui ricade il Miniautodromo, attraverso un bando pubblico che individui anche la destinazione sportiva che potrebbe essere diversa da quella attuale. 

Intanto, la tappa messinese degli Europei di modellismo 2021 è stata rimandata al prossimo anno causa Covid. Un rinvio che di fatto dà  ancora un buon margine di tempo per recuperare l'impianto di Sant'Agata e non perdere l'occasione di ospitare un evento internazionale. 

Auto Model Sport Club Italiano e Messina Wolrld fanno pressing sull'amministrazione per riaprire il dialogo, a distanza di più di un anno dall'ultimo confronto e dal soprallugo effettuato da Giuseppe Scattareggia, all'epoca assessore al ramo. "Abbiamo mandato una pec al Comune - spiega Salvatore Schepis di Messina World - e come organizzatori dell'evento attendiamo risposte. Se non si ripristina l'impianto rischiamo di compromettere anche i progetti futuri e rinunciare ad un indotto economico e sociale importantissimo. Abbiamo la possibilità di avere un miniautodromo in riva al mare, unico al mondo. Ma finora poco o nulla è stato fatto per utilizzarlo al meglio. A Messina ci sono tanti campioni di questo sport che magari non è famoso come il calcio, ma contribuisce a dare un'alternativa a tanti giovani. Vogliamo tornare presto in pista, magari con le macchinine elettriche per evitare l'inquinamento acustico oggetto di lamentele in passato".

Segue con attenzione la vicenda anche il capogruppo Movimento 5 Stelle Andrea Argento che aveva già chiesto delucidazioni in merito all’amministrazione comunale auspicando che la competizione possa essere confermata e che tale occasione possa sfumare, anche alla luce della decisione della Giunta di non prevedere alcun intervento di riqualificazione dell’impianto. 

Forte interessa anche dalla stessa commissione Sport. “L’intento commissione sollecitata dai consiglieri Gioveni e Interdonato, – afferma il Presidente La Tona – era proprio quello di riprendere le fila del discorso su questa vicenda, dopo che nel corso del 2020, l’allora Assessore allo Sport Scattareggia, con un comunicato stampa dell’8 luglio, aveva manifestato l’intenzione di ripristinare questo impianto e sostenere questo evento europeo. L’atteggiamento in Aula dei due assessori, presenti in Commissione il 10 febbraio, Francesco Gallo (Sport) e Dafne Musolino (Beni del Demanio Marittimo) è apparso meno orientato in tal senso, cosa che ha fatto sorgere i dubbi alla Commissione che anche l’evento programmato e annunciato potesse sfumare. Appare ovvio che questa Commissione tutta, anche con l’ausilio delle associazioni sportive di riferimento, continuerà a farsi carico di sollecitare l’Amministrazione comunale, affinché provveda a riqualificare e far ripartire questo impianto che, tra l’altro, rappresenta, un’eccellenza nel suo genere e che può dare, proprio per la sua specificità, un contributo importante allo sport ed ai flussi turistici cittadini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mini autodromo dello Stretto in degrado, i modellisti messinesi: "Non uccidete la nostra passione"

MessinaToday è in caricamento