rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca

La morte di Ada al viadotto Ritiro, udienza preliminare a luglio

Imputati sono il direttore Dan Alpern e il geometra responsabile del cantiere Natale Bommara. Parti offese i familiari della vittima

Si terrà il 13 luglio, davanti al gup Monica Marino, l’udienza preliminare per la morte di Salvatore Ada, l’operaio morto ad ottobre del 2022 nei cantieri del viadotto Ritiro.

Imputati sono il direttore Dan Alpern e il geometra responsabile del cantiere Natale Bommara.

Inizialmente erano indagati anche la società appaltatrice, la Toto Costruzioni Generali Spa e l’amministratore Paolo Toto per il quale è stata chiesta l’archiviazione. Parti offese sono i familiari dell’operaio difesi, la moglie Francesca Maiorana e la sorella Giacomina Ada difesi dagli avvocati Vincenzina Colaci e Filippo Mangiapane.

Parti civili anche la madre e le altre due sorelle della vittima.

Ada è morto dopo l’impatto con il new jersey, una barriera di acciaio e ferro precipitata mentre la stavano posizionando su un mezzo, che gli ha creato danni irreversibili.

Secondo la difesa il mezzo su cui stavano posizionando il new jersey non era idoneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Ada al viadotto Ritiro, udienza preliminare a luglio

MessinaToday è in caricamento