Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Galati Mamertino

Donna morta di setticemia, la comunità di Galati Mamertino sconvolta dal dolore

La Procura indaga per ricostruire quanto accaduto e riscontrare eventuali responsabilità. Sequestrate le cartelle cliniche della 40enne

Il sogno, quello di diventare madre, che Elisa Pierangioli, la 40enne deceduta in seguito a una setticemia, era riuscita a realizzare, dopo alcuni tentativi andati male, ma che è stato distrutto per sempre insieme alla sua giovane vita. A chiarire cosa è accaduto e se ci sono state eventuali responsabilità sarà la Procura di Barcellona Pozzo di Gotto che, dopo la denuncia che i famigliari della donna hanno presentato ai carabinieri, ha aperto un fascicolo sul caso sequestrando le cartelle cliniche e disponendo l'autopsia.  

Elementi fondamentali che potranno ricostruire la vicenda. Secondo quanto testimoniato dalla famiglia Elisa Pierangioli avrebbe partorito il 27 marzo la piccola Maria Paola all'ospedale “Buccheri La Ferla” di Palermo tramite parto cesareo. Pochi giorni dopo le dimissioni, però, la donna, originaria di Grosseto ma residente a Galati Mamertino insieme al marito Gianni Bontempo, avrebbe accusato forti dolori al ventre. Si sarebbe così rivolta all'ospedale di Sant'Agata di Militello dove, date le condizioni della donna, è stato disposto il trasferimento all'ospedale "Fogliani" di Milazzo. 

Lì, grazie a una tac mirata, i medici hanno scoperto che la donna si trovava in uno stato di setticemia grave. Dopo un intervento Elisa è rimasta ricoverata in rianimazione fino al tragico epilogo mercoledì mattina a causa di uno scock settico. I familiari della donna hanno già raggiunto il comune del Messinese in attesa della restituzione della salma attualmente a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

Intanto la comunità di Galati Mamertino, dove il marito di Elisa è uno stimato imprenditore, è sconvolta da quanto accaduto alla famiglia. Il sindaco Vincenzo Amadore, che conosce personalmente la famiglia, ha espresso un messaggio di cordoglio a nome dell’intera cittadinanza. “E’ una tragedia enorme che scuote la nostra comunità, un destino beffardo e crudele che ha strappato la cara Elisa all'affetto dei suoi cari e della giovane vita che qualche giorno fa aveva messo al mondo - ha dichiarato - Interpreto il sentimento della mia comunità profondamente scossa e addolorata rivolgendo un pensiero alla piccola Maria Paola, al papà Gianni ed a tutti i familiari, certo della vicinanza che la comunità galatese, sempre unita e solidale, saprà dare per cercare di alleviare questo grande dolore”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna morta di setticemia, la comunità di Galati Mamertino sconvolta dal dolore
MessinaToday è in caricamento