Santo Stefano di Briga, morto il 44enne ustionato dallo scoppio della bombola

L'uomo è deceduto all'ospedale Civico di Palermo. Fatali le complicanze a livello polmonare. La tragedia la sera del 31 marzo

E' morto questa mattina al centro Ustioni dell'ospedale civico di Palermo Giovanni Visalli, il 44enne coinvolto nell'esplosione di una bombola in un'abitazione di Santo Stefano Briga.

Lo scorso 31 marzo l'uomo era rimasto ustionato dopo essere intervenuto per domare le fiamme di un incendio che si era sviluppato all'interno di una casa di proprietà della sorella che in quel momento era disabitata.

Intorno alle 22.30 la terribile espolosione di una bombola lo ha investito in pieno. Per lui si sono rivelate fatali le complicanze a livello polmonare probabilmente in seguito ai gas tossici inalati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo Viviana, nuovo avvistamento alla guardia medica di Giardini: "Quel bimbo sembrava Gioele"

  • Viviana Parisi sarebbe stata avvistata a Giardini Naxos

  • Scomparsa Viviana Parisi, parla la cognata: "Ha preparato il pranzo e poi è sparita"

  • Giardini Naxos, ritrovato cadavere in mare

  • Tragico incidente a San Filippo superiore, precipita col camion in un dirupo: muore operaio della forestale

  • Scomparsa Viviana Parisi, fuga volontaria smentita dal marito: i sommozzatori cercano nei laghetti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento