rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Morì a poche ore dal parto, dopo sei anni i familiari attendono ancora giustizia

Non c'è ancora una sentenza sulla tragica morte della 44enne Lavinia Marano avvenuta nel 2016. Ieri ancora un rinvio nel processo che vede indagati dieci tra medici e infermieri

Non c'è ancora una verità giudiziaria sulla morte di Lavinia Marano, nonostante siano passati sei anni. Nel settembre 2016 la 44enne è deceduta al Policlinico a poche ore dal parto, appena in tempo per abbracciare il suo primo figlio, poi le complicazioni risultate fatali e gli interventi chirurgici purtroppo inutili. Dieci gli indagati, tra medici e infermieri, dopo l'inchiesta avviata dalla Procura in seguito alla denuncia presentata dai familiari.

Ma il processo viaggia a rilento e ieri si è registrato un altro rinvio dopo l'indisposizione del pubblico ministero. Rammaricati gli avvocati dei familiari della donna, Giovanni Caroè e Carla Flick. I due legali, si dicono rammaricati per non essere stati tempestivamente avvisati dell'ulteriore rinvio e sottolineano come siano passati sei anni dall'inizio del procedimento e adesso c'è addirittura il rischio che si arrivi alla prescrizione. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 18 novembre quando sono attese le conclusioni di pm, parti civili e difesa degli imputati. La sentenza, salvo ulteriori slittamenti, è attesa la settimana successiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì a poche ore dal parto, dopo sei anni i familiari attendono ancora giustizia

MessinaToday è in caricamento