rotate-mobile
Cronaca

La morte del nostromo Puleo, udienza preliminare dopo tre anni: in tre rischiano il processo

Si tratta del capitano del traghetto Elio, Giuseppe Cama, della stessa Caronte&Tourist e di Luigi Genchi in qualità di armatore e di datore di lavoro

A quasi tre anni dalla morte di Gaetano Puleo, il nostromo vittima di un incidente durante le fasi di ormeggio del traghetto "Elio" di Caronte & Tourist, è stata fissata per domani l’udienza preliminare per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio da parte del pm Roberto Conte.

In tre rischiano il processo. Si tratta del capitano del traghetto Elio, Giuseppe Cama, della stessa Caronte&Tourist e di Luigi Genchi in qualità di armatore e di datore di lavoro.

Gli inquirenti fanno riferimento alla mancata osservanza si legge nel documento di chiusura indagini - delle norme in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro e l'omessa valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori marittimi, in particolare i rischi presenti nelle operazioni di ormeggio.

Secondo i legali l'incidente costato la vita al nostromo si sarebbe potuto evitare e dello stesso avviso è il pm che ha chiesto il rinvio a giudizio.

Sei le persone offese, i familiari del nostromo e i figli Anna, Salvatore e Giovanni che ad aprile del 2022 insieme ad amici del marittimo avevano protestato davanti al tribunale per chiedere notizie sull’inchiesta.La richiesta di rinvio a giudizio è stata depositata il 27 ottobre 2022, con decreto del 28 ottobre il giudice per le indagini preliminari Eugenio Fiorentino ha fissato l’udienza per domani, 24 gennaio 2023.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte del nostromo Puleo, udienza preliminare dopo tre anni: in tre rischiano il processo

MessinaToday è in caricamento