rotate-mobile
Cronaca

Le morti sul lavoro a Sanremo con la canzone di Massini-Jannacci: ricordato anche il 40enne folgorato nel Messinese

Il duo pronto a salire sul palco dell'Ariston con un pezzo dedicato a una delle più gravi emergenze del Paese. In conferenza stampa il riferimento alla tragica morte dell'operaio Rediu Mihai

Il dramma delle morti sul lavoro arriva fino a Sanremo. Stasera Paolo Jannacci e Stefano Massini saliranno sul palco dell'Ariston con "L'uomo nel lampo", un pezzo dedicato a una delle più gravi emergenza con cui fa i conto l'Italia, da nord a sud. E proprio ieri Messina ha pianto l'ennesima vittima: il 40enne Rediu Mihai, folgorato mentre lavorava in un vivaio. L'uomo è stato ricordato stamane dai due artisti durante la presentazione del loro brano, inevitabilemente legata all'attualità. "Ci tengo a ringraziare Amadeus - ha detto Massini - che è stato un grandissimo alleato. Mi auguro che la cosa di stasera porti consapevolezza, perché nelle ultime 24 ore ci sono stati altri due morti sul lavoro: un operaio folgorato a Messina e un altro operaio schiacciato in provinca di Padova da un muletto".

"Nell'ultimo anno sono morte in Italia sul lavoro 1.485 persone. Ed è certificato che l'80% di queste morti si potrebbero evitare. Sono molto fiero di essere qui a Sanremo per parlarne". Stefano Massimo parla così dell'intervento che farà con Paolo Jannacci nella terza serata di Sanremo 2024 sulle note del brano 'L'uomo nel lampo', una canzone nel solco della tradizione del teatro canzone. "Io reciterò e Paolo canterà il ritornello", dice lo scrittore e drammaturgo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le morti sul lavoro a Sanremo con la canzone di Massini-Jannacci: ricordato anche il 40enne folgorato nel Messinese

MessinaToday è in caricamento