rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Morto dopo il pestaggio selvaggio, arrestate 4 persone per omicidio: uno è messinese

La spedizione punitiva aveva massacrato la vittima per 20 minuti con calci, pugni e un bastone che lo avevano raggiunto più volte alla testa e al torace

Non ce l'ha fatta il 45enne napoletano che, lo scorso 3 novembre, era stato massacrato di botte in un hotel di Marina Centro a Rimini. L'uomo è deceduto per le gravissime lesioni riportate nel pomeriggio di venerdì al "Bufalini" di Cesena, dove era ricoverato nel reparto di Terapia intensiva, e per questa morte sono stati arrestate quattro persone ritenute essere gli autori del massacro.

Nella serata di venerdì, infatti, il personale della Squadra mobile ha fermato due italiani, un 52enne residente a Messina e fermato in un albergo di Riccione e un 35enne rintracciato in un bar di Rimini, e un croato 41enne mentre un bosniaco 45enne è riuscito a sfuggire alla cattura ed è tuttora ricercato dalle forze dell'ordine. Secondo gli inquirenti il gruppo, con diversi ruoli, avrebbe aggredito la vittima in una sorte di regolamento di conti e per oltre 20 minuti avrebbe continuato a massacrarlo con calci, pugni e un bastone che lo avevano raggiunto più volte alla testa e al torace.

Dopo il pestaggio, messo in atto dai due stranieri con gli italiani che facevano da palo, la spedizione punitiva era scappata non prima di impossessarsi del portafoglio della vittima minacciandola di tornare. Pare che all'origine del massacro ci fossero una serie di debiti da parte del 45enne napoletano tanto che gli aggressori, prima della fuga, gli avevano promesso di tornare per avere altri soldi. Malconcia, la vittima era riuscita a trascinarsi al pronto soccorso dell'Infermi ma, all'improvviso, le sue condizioni erano precipitate tanto da rendere necessario il trasferimento d'urgenza nel nosocomio cesenate dove è poi deceduto dopo un'agonia di 10 giorni.

Il massacro è avvenuto sotto l'occhio di alcune telecamere di videosorveglianza che avrebbero ripreso l'intera scena permettendo così agli inquirenti di ricostruire l'intera vicenda. Degli indagati, tuttavia, il bosniaco sarebbe riuscito a sfuggire all'arresto riparando all'estero. Per gli altri tre, trasferiti nel carcere dei "Casetti", nella giornata di lunedì è previsto l'interrogatorio di garanzia.

Fonte:RiminiToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto dopo il pestaggio selvaggio, arrestate 4 persone per omicidio: uno è messinese

MessinaToday è in caricamento