Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Movida nei locali, "Centro storico" si rivolge al Tar

L'associazione ha presentato ricorso al tribunale amministrativo per annullare l'ultima ordinanza del sindaco Basile

L'ordinanza sindacale sulla musica nei locali è in bilico. L'associazione Centro Storico dopo le polemiche delle scorse settimane ha promosso ricorso al tribunale amministrativo per annullare i provvedimenti in corso e che avranno validità fino al prossimo 30 settembre. Basile a inizio mese aveva già introdotto un nuovo atto che limitava il precedente sull'utilizzo della musica nei locali. Il Comune intende resistere in giudizio e ha affidato all'avvocato Fabrizio Cristadoro la tutela legale dell'ente pubblico per mantenere intatto il provvedimento del primo cittadino. 

In commissione a Palazzo Zanca la questione è già stata oggetto di confronto, anche molto polemico, tra l'assessore Finocchiaro e alcuni esercenti che al contrario dell'associazione Centro storico chiedono regole orarie meno rigide per i lidi estivi. 

Cosa prevede l'ordinanza

Lunedì non è consentita alcuna attività musicale;

- dal martedì alla domenica, per i pubblici esercizi che svolgono attività previo rilascio di SCIA ex art. 69 T.U.L.P.S., fermo restando il divieto di organizzare e svolgere attività danzante, è consentita l’organizzazione di serate di trattenimento musicale, senza invito al ballo, dalle ore 21.00 alle ore 00.30 del giorno seguente;

- dal martedì alla domenica, per i locali di pubblico spettacolo muniti di licenza di P.S. exart. 68 T.U.L.P.S. è consentita l’organizzazione di serate danzanti dalle ore 21.00 alle ore 02.30;

- nei giorni di venerdì, sabato e domenica, per i pubblici esercizi che svolgono attività previo rilascio di SCIA ex art. 69 T.U.L.P.S., fermo restando il divieto di organizzare e svolgere attività danzante, dalle ore 19.00 alle ore 21.00 è consentita l’organizzazione di eventi musicali;

- nei giorni di venerdì, sabato e domenica, dalle ore 19.00 alle ore 21.00 per i locali di pubblico spettacolo muniti di licenza di P.S. ex art. 68 T.U.L.P.S. è consentita l’organizzazione di eventi musicali e danzanti; - rimane consentita, nei giorni da martedì alla domenica, nei pubblici esercizi l’emissione di musica di sottofondo che non rechi disturbo; - dal martedì alla domenica, negli spazi all’aperto l’organizzazione e lo svolgimento di attività musicali estemporanee con coinvolgimento del pubblico (c.d. karaoke) e similari è consentita nella fascia oraria dalle 20.00 alle ore 23.00;

Il sindaco ordina inoltre:

 agli esercenti di distributori automatici di bevande h24, che insistono nel territorio comunale di disattivare la distribuzione di bevande alcoliche a partire dalle ore 23.00 e sino alle ore 7.00.
A partire dalle ore 19.00, la vendita di bevande da asporto dovrà avvenire tramite sbicchieramento attraverso bicchiere monouso.
L'ordinanza stabilisce:

A fine orario sarà ammessa una tolleranza di 20 minuti che dovranno essere sfruttati per abbassare il volume ed invitare i clienti a sfollare.
I gestori degli esercizi pubblici/commerciali dovranno garantire l’impegno a collocare appositi contenitori per la raccolta differenziata e a mantenere l’igiene e il decoro delle aree antistanti e limitrofe all’esercizio in collaborazione con l’Amministrazione comunale e/o le Società Partecipate; 
Le multe per i trasgressori
Fatti salvi i reati in cui il trasgressore possa essere incorso e l'eventuale adozione di provvedimenti specifici, per finalità cautelari o interdittive: - i trasgressori che violano anche una soltanto delle disposizioni della presente ordinanza saranno puniti con sanzione amministrativa di cui al richiamato art. 7bis del D. Lgs.18.08.2000 n. 267 pari ad € 200.00;


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida nei locali, "Centro storico" si rivolge al Tar
MessinaToday è in caricamento