Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

La banda della movida, resistono in appello le condanne per l'operazione Flower

La sentenza per i dodici imputati con qualche sconto di pena. L'indagine della Dda e Squadra mobile nel 2019 ha permesso di sgominare la banda criminale che terrorizzava la movida messinese organizzando risse a tavolino nei locali per estorcere denaro agli imprenditori e costringerli ad assumere buttafuori a loro graditi

Resistono in appello le condanne per il processo scaturito dall’operazione Flower, l’inchiesta della Dda e della Squadra mobile che nel novembre del 2019 ha permesso di sgominare la banda criminale che terrorizzava la movida messinese organizzando risse a tavolino nei locali per estorcere denaro agli imprenditori e costringerli ad assumere buttafuori a loro graditi.

Risse, rapine ed estorsioni, le condanne in primo grado per l'operazione Flower

Qualche sconto di pena per gli imputati. Sono stati condannati Kevin Schepis a 11 anni e un mese di reclusione, più 8.866 euro di multa (13 anni e 4 mesi in primo grado), sette anni 4 mesi e seimila euro di multa per Giuseppe Esposito, Giovanni De Luca 9 anni e 10 mesi e settemila euro di multa, Giovanni Lo Duca 9 anni e 4 mesi  e 6.666 euro di multa, Domenico Mazzitello e Vincenzo Gangemi 5 anni di carcere e 5mila euro di multa ciascuno.

Confermate le condanne ad Andrea Fusco di un 1 anno e 4 mesi, Eliseo Fiumara a 6 anni e 44 mesi e per Antonino Rizzo di 1 anno e 10 mesi mentre Placido Arena e Cristian Messina potranno beneficiare della sospensione della pena. Giuseppe Cardia, condannato in primo grado a 3 mesi e 10 giorni è stata applicata in appello una muta di 1400 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda della movida, resistono in appello le condanne per l'operazione Flower

MessinaToday è in caricamento