rotate-mobile
Cronaca

Il Movimento Cristiano Lavoratori apre il suo anno sociale e chiede "un patto per la città"

Le proposte del presidente Romano durante l'assemblea con oltre 50 dirigenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

Un “Patto per la città” e un’ Agenzia per lo Stretto. È la proposta lanciata da Fortunato Romano presidente del Movimento Cristiano Lavoratori di Messina davanti agli oltre 50 dirigenti riuniti nella storica sede di via Romagnosi. L’occasione per parlarne è stata offerta dall’apertura dell’anno sociale del Mcl. "Messina e la sua provincia hanno bisogno di una cabina di regia unica con una visione dello sviluppo e del lavoro orientate alla sostenibilità – spiega Romano-. Serve un patto interistituzionale che abbia come base queste due direttrici e che veda il coinvolgimento di tutti gli organismi pubblici e privati che hanno le risorse per programmare ed agire". Il particolare momento storico «ci deve vedere impegnati nel rilancio del nostro territorio – incalza il presidente Mcl -. Occorre contrastare la marginalità in cui Messina è stata relegata. Dobbiamo arrestare la fuga dei cervelli e riposizionare la città al centro dell’area integrata dello Stretto".

"E’ un momento di grandi trasformazioni che i nuovi governi, regionale e nazionale e l’amministrazione della Città Metropolitana di Messina devono saper interpretare insieme alle forze sociali. Perché - suggerisce - non riprendere l’idea di un'Agenzia Unica per lo Stretto, che possa coordinare la fase di trasformazione innescata dal Ponte? Si potrebbero coordinare flussi di fondi e pianificazione strategica verso un’opera epocale. Ma serve una piano coordinato di sviluppo per questa città e la sua provincia. Ci sono occasioni offerte dal Pnrr che non possiamo perdere e soprattutto non bisogna lasciare che opere strategiche come il porto di Tremestieri, gli svincoli, la riqualificazione dell’ex Sanderson e la Zona Falcata diventino le nuove incompiute".

Per l’Mcl l’obiettivo resta quello di creare nuove e grandi opportunità di lavoro, impiegando le eccellenze esistenti a servizio del territorio, agevolando un lavoro degno e accessibile a tutti, che superando logiche assistenziali guardi al primato dell’imprenditoria sociale. Papa Francesco parla di “Economia della Vita”, un'economia amica della terra, di pace, che rimette al centro la persona e la comunità. "Ai nuovi governi – compreso quello della città – lanciamo questo invito alla programmazione e al dialogo per costruire la Piattaforma per Messina 2030" conclude Fortunato Romano.

Francesco De Leo, presidente provinciale del patronato SIAS e Gaetano Lamberto, vicepresidente provinciale di Mcl Messina con i loro contributi hanno arricchito i lavori del consiglio provinciale Mcl. Al diacono don Salvatore Nolasco, assistente ecclesiastico il compito di chiudere l’appuntamento che ha visto l’intervento del presidente nazionale Mcl Tonio Di Matteo. I dirigenti provinciali incontreranno quest’ultimo il prossimo 9 a Roma dicembre in occasione del giubileo dei 50 anni dove sono attesi dall’udienza riservata con Sua Santità Papa Francesco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Movimento Cristiano Lavoratori apre il suo anno sociale e chiede "un patto per la città"

MessinaToday è in caricamento