menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Stazione dei carabinieri a Gioiosa

La Stazione dei carabinieri a Gioiosa

Si era rifugiato a Piraino ma è stato scovato dai carabinieri, era stato condannato per atti sessuali con minore

Si tratta di un romano fuggito dalla Capitale e nascosto in provincia. Durante l'arresto ha accusato un malore, è stato trasferito al carcere di Barcellona Pozzo di Gotto per scontare la pena di oltre 3 anni

Cerca di sfuggire alla cattura nascondendosi sulla costa saracena. Arrestato dai Carabinieri un 59enne, romano, condannato per atti sessuali con minorenne. Nella notte di martedì, in esecuzione all’ordine di carcerazione emesso il 22 settembre scorso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, i carabinieri della Stazione di Gioiosa Marea hanno arrestato l'uomo, di origine calabrese e residente a Roma, condannato per il reato di atti sessuali con minorenne, commesso a Roma
nell’estate del 2014.

I Carabinieri hanno avuto notizia della presenza in zona di una persona destinataria di un provvedimento di carcerazione e grazie all’approfondita conoscenza del territorio, attraverso servizi di osservazione e di controllo, ai militari dell’Arma sono bastate poche ore per rintracciare e assicurare alla giustizia l'uomo che si era allontanato da Roma per sfuggire all’esecuzione della condanna definitiva emessa a suo carico. Il romano, ricercato dalla fine dello scorso mese di settembre, si era rifugiato sulla costa Saracena, sperando di passare
inosservato ma i carabinieri lo hanno localizzato ed arrestato presso l’abitazione di alcuni lontani parenti, nel comune di Piraino. Alla vista dei militari, resosi conto di essere stato scovato, l’uomo ha accusato un lieve malore ed è stato sottoposto ad accertamenti sanitari presso il pronto soccorso dell’ospedale di Patti. termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto, dove dovrà scontare la pena di 3 anni e 8 mesi di reclusione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento