Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Da "Invece del Ponte" a "No Ponte Capo Peloro", nasce un secondo comitato contro la realizzazione dell'infrastruttura

Un altro gruppo formato da ex sostenitori della giunta Accorinti si è presentato, previste le prime iniziative nei prossimi giorni a Torre Faro

Nasce un nuovo comitato contro la realizzazione del Ponte sullo Stretto: si chiama "No Ponte Capo Peloro": il secondo nel giro di poche settimane. Prime iniziative previste nei prossimi giorni a Torre Faro. 

Il comitato nasce - si legge nella presentazione - per cercare di svolgere un lavoro d'informazione e contro-informazione su di un'opera che minaccia di travolgere case, terreni, attività produttive, la nostra stessa vita quotidiana e di cui purtroppo non si ha ancora piena consapevolezza.
Tra le prossime iniziative di No Ponte Capo Peloro "La diffusione dei punti poco conosciuti del progetto Ponte come ad esempio la localizzazione e l'estensione dei 30 cantieri previsti sul versante siciliano da Contesse a Torre Faro, le 1040 pagine di elenco di coloro che saranno soggetti a esproprio o servitù, l'alterazione dei siti ambientali tutelati dalla normativa nazionale ed europea che mette persino a rischio di sopravvivenza il lago di Ganzirri". 

Due gli interrogativi più urgenti del gruppo: "Sei certo che la tua casa, il tuo terreno, il tuo posto di lavoro, non verranno travolti?
Sei certo che pur non essendo nell'area dei cantieri non subirai gravi disagi?.

Del gruppo No Ponte Capo Peloro fanno parte ex sostenitori della giunta Accorinti, tra questi l'ex assessore all'Ambiente Daniele Ialacqua. 

Nei giorni scorsi invece aveva già fatto la sua comparsa il comitato "Invece del Ponte" per contestare annunci e provvedimenti del governo Meloni. Di "Invece del Ponte" fa parte un altro ex assessore dell'amministrazione Accorinti: il docente universitario Guido Signorino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da "Invece del Ponte" a "No Ponte Capo Peloro", nasce un secondo comitato contro la realizzazione dell'infrastruttura
MessinaToday è in caricamento