Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Comitati no ponte, dal corteo all'infopoint al concerto per dire no alla "devastazione nello Stretto"

Il calendario delle iniziative che sfoceranno in una nuova "marcia" il 12 agosto a partire da piazza Cairoli

Nuova ondata di manifestazioni no ponte. Dopo l’avvio degli infopoint a cui rivolgersi per valutare meglio le ragioni del no al progetto del ponte sullo Stretto di Messina e dove poter sottoscrivere le petizioni contro l’infrastruttura, le associazioni No Ponte, insieme ai movimenti sociali e ambientalisti che si riuniranno nuovamente il prossimo 12 agosto per un corteo a Piazza Cairoli.

“Nelle intenzioni di Matteo Salvini, Pietro Salini (AD di Webuild) e Pietro Ciucci (AD della riesumata s.p.a. Stretto di Messina), quella che stiamo vivendo sarà l’ultima estate senza i cantieri del ponte sulle due sponde dello Stretto di Messina – si legge nel documento-manifesto - Secondo il triste cronoprogramma che stima i tempi del riavvio dell’iter di progettazione e costruzione dell’opera, a luglio 2024 dovrebbero essere messe in moto le ruspe. Si sarebbe quasi tentati di dirsi ‘Godiamocela, finché è possibile’ …e invece NO”.

“Siamo dell’idea che sia proprio questo il tempo di fermare la devastazione delle città delle Stretto: prima che cominci – continua la nota - La manifestazione del 17 giugno a Torre Faro ha dimostrato (anche se non ce n’era bisogno, per chi ha occhi per vedere scevri dalla propaganda) che la costruzione del ponte è tutt’altro che avvolta dal consenso. Migliaia di persone provenienti dalle due sponde dello Stretto, ma anche da altrove, hanno deciso di sacrificare – nel senso più alto e laico del termine, nel senso di rendere sacro – il loro tempo e le loro energie per manifestare la volontà di difendere il territorio. Migliaia di persone sono accorse nel luogo-simbolo della devastazione, dove dovrebbe sorgere il pilone del ponte, e hanno lanciato una prima avvisaglia di resistenza a quello che i sostenitori dell’opera vorrebbero rappresentare come un obbligo (stante la conversione in legge del decreto ponte). Quella manifestazione ha detto, al contrario, che nessuna opera è legittima se non la legittimano gli abitanti dello Stretto”.

Secondo gli organizzatori della manifestazione “i cittadini pagherebbero due volte i lavori del ponte: la prima volta come abitanti, sottoposti a una quotidianità infernale in mezzo ai cantieri che apriranno da Torre faro a Contesse e oltre, dalla durata imprevedibile se la si commisura con i tempi di realizzazione delle opere pubbliche in Italia e se si tiene conto degli inevitabili imprevisti che implica ogni opera di tale portata; la seconda volta da contribuenti, che si vedrebbero sottratte risorse pubbliche che andrebbero utilizzate per opere utili al territorio (messa in sicurezza idrogeologica e sismica, potenziamento del servizio sanitario, ammodernamento del sistema viario e dei trasporti nello Stretto, risorse per la scuola e per il welfare, sostegno alle piccole imprese locali, solo per dirne qualcuna)”.

Dunque l’annuncio della nuova manifestazione e l’appello a scendere ”in piazza insieme, per una lotta comune”.

Per accogliere chi verrà da fuori città e per ritagliare un momento di riflessione e confronto collettivo, l’11, 12 e 13 agosto è stato organizzato un piccolo campeggio Noponte. Mentre il 12 agosto 2023 alle 18 a piazza Cairoli, partirà il corteo No Ponte. (Per informazioni relative alle attività verso il corteo, al corteo stesso o al campeggio: nopontemessina@gmail.com – fb No Ponte – Telegram t.me/noponte).

Ma non solo le uniche iniziative, anche a luglio sono previsti una serie di appuntamenti: il 18 luglio a Torre Faro ancora infopoint a partire dalle 18, il 20 luglio Goletta Verde transita nello Stretto e conferenza stampa di Legambiente allHorcynus Orca dalle 10.30, il 29 luglio gazebo”Invece del Ponte” e “NoPonte Capo Peloro” al lido Horcynus Orca alle 18 mentre i 6 agosto concerto No Ponte sempre al Parco Horcynus e 8 e 9 agosto festival di due giorni No Ponte a Torre Faro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitati no ponte, dal corteo all'infopoint al concerto per dire no alla "devastazione nello Stretto"
MessinaToday è in caricamento