Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Il fronte del no al Ponte si mobilita, corteo a Torre Faro con un appello: "Basta speculazioni"

Incontri anche in Calabria con le associazioni che negli anni si sono impegnate contro la realizzazione dell'opera. "Sarà l'occasione per lanciare la partecipazione all'importante mobilitazione del 17 giugno a Messina"

"La questione infinita 'Ponte sullo Stretto' vede nuovi sviluppi che impongono una seria mobilitazione anche sul nostro territorio". A tal fine le associazioni 'No ponte' Calabria, 'NUDM' e 'SaturnA', il 15 giugno alle 18 hanno indetto a Reggio Calabria, allo 'Spazio Open' in via Filippini 25, un'assemblea aperta invitando le realtà che negli anni si sono impegnate contro la realizzazione dell'opera. Per gli organizzatori "sarà l'occasione per lanciare la partecipazione all'importante mobilitazione del 17 giugno 2023 alle 17:30 a Torre Faro, e agli eventi già organizzati sul territorio. Sarà inoltre l'opportunità per programmarne di nuovi".

All'iniziativa anche l'adesione di ItaliaNostra sezione di Messina ha aderito al corteo che si terrà sabato prossimo nelle vie della città partendo da Torre Faro. Ma l'appello è a tutta la cittadinanza. Ecco:

L'appello e le ragioni del no

Noi abitanti dei territori dello Stretto di Messina, negli scorsi anni, con la mobilitazione delle nostre intelligenze e dei nostri corpi, avevamo contribuito a bloccare l’iter progettuale e l’avvio dei cantieri, smascherando la natura speculativa e l’impatto devastante del ponte sullo Stretto.

Nonostante la gioia provata all’epoca della messa in liquidazione della società Ponte sullo Stretto, non abbiamo mai pensato di aver ‘completamente’ vinto: la posta in gioco della lotta contro la Grande Opera non era e non è la difesa dell’esistente, e basta pensare anche solo per un istante ai profitti di Caronte&Tourist col monopolio di fatto dell’attraversamento dello Stretto, o alle frane e alle alluvioni durante le quali esperiamo tutta la fragilità dell’assetto idrogeologico del nostro territorio, per accorgersi che il ‘no al ponte’ può essere un prisma per guardare meglio alla nostra condizione generale; per interrogare radicalmente i nostri bisogni e accorgerci di cosa desideriamo per abitare in modo più felice lo spazio in cui viviamo; per riconsiderare la nostra centralità rifiutando le scelte coloniali imposte dalle istituzioni centrali.

Lo Stretto di Messina, quell’area che si estende lungo la costa jonica e crea il punto d’incontro con quella tirrenica, è il luogo del possibile riconoscersi, ove proiettarsi come comunità e allo stesso tempo ritrovarsi introspettivamente: i suoi colli, il suo mare, i suoi panorami, basterebbero da soli a definire la struttura che connette il tutto, indirizzandoci a preservarne, difenderne, esaltarne la bellezza.

Oggi, di fronte alla ripresa a marce forzate dell’iter per la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina, è urgente riprendere e rendere visibile la mobilitazione per contrastarlo.

…contro le fake news pontiste

Intendiamo in primo luogo intraprendere un nuovo percorso di contro-informazione per rispondere colpo su colpo all’impressionante campagna di disinformazione che mira a creare consenso popolare intorno alla grande opera, utilizzando argomenti falsi con la compiacenza della grancassa mediatica: come se non bastasse la quotidiana campagna pro-ponte della gazzetta del sud, il governo intende infatti stanziare un milione l’anno, dal 2024 al 2031, per propagandare e fornire un po’ di supporto all’idea di una costruzione che da sola, lo comprendiamo bene, non starebbe tecnicamente in piedi. Toccherà ancora, dunque, e anzi sempre di più, sentire le ‘bufale’ relative a un ponte “grande opera green”, “pronto e cantierabile”, “preziosa occasione occupazionale per più di 100.000 persone”.

…a difesa del nostro territorio

Toccherà ancora, dunque, e anzi sempre di più, dire e gridare che

• il ponte è un’opera devastante dal punto di vista ambientale, uno sfregio per il paesaggio dello Stretto di Messina nostro luogo dell’anima, un delirio di svincoli e viadotti ferroviari e stradali che darebbe il colpo di grazia ad un territorio già ferito a morte – con buona pace dell’articolo 9 della Costituzione Italiana (che, da poco
rimodulato, recita beffardamente: “La Repubblica tutela il paesaggio, l’ambiente, la biodiversità e gli
Ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni”).

• la tanto sbandierata creazione di nuovi posti di lavoro che il ponte creerebbe – il cui numero varia a seconda
del nuovo annuncio del populista di turno (il ministro Salvini e il costruttore Salini si stanno in tal senso
dimostrando all’altezza, o meglio alla bassezza, dei loro predecessori) – è solo un miraggio per una
popolazione ed una città che hanno bisogno di tutt’altra occupazione, dal punto di vista quantitativo e
qualitativo, per mettere in sicurezza i territori e creare le condizioni per abitarli.

• gli scavi per le torri e i viadotti del ponte produrranno milioni di metri cubi di terra e detriti che finiranno per intasare discariche colline e torrenti, mentre i circa trenta quaranta cantieri che sorgeranno sulle due rive dello Stretto costringeranno migliaia di persone ad abbandonare i luoghi interessati dai lavori in quanto espropriati delle loro case e/o renderanno praticamente impossibile la loro vita per chissà quanti anni.

…chiamiamo a raccolta tutte/i/u

Chiamiamo a raccolta in primo luogo tutta la popolazione dell’area dello Stretto di Messina, l’associazionismo ambientalista, comitati e movimenti a difesa dei territori e dei beni comuni, tutte/i/u a livello locale, nazionale ed internazionale per intraprendere con noi la lotta contro il ponte e salvaguardare e difendere la bellezza, l’integrità, l’identità dei nostri territori.

Noi abitanti dei territori dello Stretto di Messina,

riconoscendo e volendo contrastare un modello di sviluppo inumano e quindi inaccettabile, sentiamo necessario un agire conflittuale verso ciò che ci schiaccia e produce disastri sociali, climatici, umanitari. Dichiariamo perciò che non ci fermeremo fintanto che il ponte non sarà cancellato dall’orizzonte futuro del nostro territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il fronte del no al Ponte si mobilita, corteo a Torre Faro con un appello: "Basta speculazioni"
MessinaToday è in caricamento