Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Patti

Ospedale di Patti, attacco del Coas per l'ultimo atto di La Paglia: “Nomina fuorilegge alla vigilia della sospensione”

Il sindacato chiede al direttore sanitario la revoca dell'incarico dirigenziale a un medico assegnato nonostante il concorso bandito e domande già presentate

L'ospedale di Patti

Concorso bandito e conclusa la fase di presentazione delle domande da parte egli aventi diritto. Ma, in attesa della nomina della prevista Commissione di Valutazione per la scelta “idoneativa” del candidato, con una mossa a sorpresa, il direttore generale Paolo La Paglia, alla vigilia della sua sospensione, ha deciso di conferire l’incarico dirigenziale di medico responsabile della Unità ospedaliera sanitaria della terapia del dolore di Patti a un dirigente medico di anestesia e rianimazione.

Lo denuncia il sindacato Cosa con una nota al ministero della Salute, all’assesosore regionale alla Sanità Ruggero Razza, al direttore sanitario Bernardo Alagna anche nella sua qualità di sostituto del direttore generale.

Nella segnalazione inviata anche alla Corte dei Conti e al presidente dell’Anticorruzione, il sindacato chiede la sospensione in autotutela del provvedimento disposto.

Secondo il coordinatore provinciale del Coas Medici dirigenti, Mario Macrì e il vice segretario aziendale Emilio Cortese, questa nomina alla vigilia di un provvedimento di sospensione del manager La Paglia, atteso da settimane, è “un vero e proprio attacco alla legalità e alla trasparenza”.

 Il sindacato, che più volte ha denunciato il manager La Paglia, ritenendo anche che non avesse i titoli per l’incarico, ritiene prestestuose le motivazioni della nomina legate al rallentamento delle procedure amministrative di conferimento degli incarichi dirigenziali per la pandemia.

“È, difatti, facilmente dimostrabile – scrivono nella denuncia - come invece durante questa pandemia Covid-19 siano stati correttamente banditi e conferiti incarichi dirigenziali nel rispetto delle regole come ad esempio l’avviso e il conferimento ex art. 22 di sostituzione del direttore UOC Professioni Infermieristiche; l’avviso e il conferimento dell’incarico di Dirigente delle Professioni Infermieristiche a tempo determinato; la nomina dei Direttori di Dipartimento e così via, per i quali – concludono - non c’è stato alcun rallentamento, anzi in qualche caso, si è verificata una vera e propria corsa alla nomina”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Patti, attacco del Coas per l'ultimo atto di La Paglia: “Nomina fuorilegge alla vigilia della sospensione”

MessinaToday è in caricamento