rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Cronaca Lipari / isola di Stromboli

Nubifragio a Stromboli, si lavora per rimuovere il fango ma resta la rabbia: "Disastro annunciato"

Iniziati gli interventi per liberare le strade, lo spirito degli isolani in prima linea con mezzi propri. Alcune persone sono rimaste bloccate in casa per ore, difficoltà a raggiungere i vicoli più stretti

Prima la paura adesso la rabbia. Questi i sentimenti che animano i residenti di Stromboli, colpita dalle 4 di questa mattina da un violento nubifragio che in poco tempo ha creato danni a strade e abitazioni. Le viuzze dell'isola invase da fango e detriti mentre diverse persone sono rimaste bloccate a lungo nelle proprie abitazioni. All'origine gli smottamenti causati dalla pioggia sulle colline che sovrastano il centro urbano, terreni che non possono assorbire più l'acqua anche a causa del grave incendio avvenuto lo scorso maggio. E proprio a riguardo i residenti denunciano la mancanza di interventi di messa in sicurezza.  "Purtroppo da maggio non si è fatto nulla - ha spiegato Giancarlo Giuffrè ad AdnKronos -  e questi sono i risultati".

VIDEO. Fango, case devastate e strade distrutte: l'inferno di Stromboli

"Quello di questa mattina è un disastro annunciato, la cronaca di un evento che avevamo previsto e per il quale mesi fa (il 31 maggio ndr) avevamo chiesto l'intervento delle autorità preposte". Non riesce a trattenere la rabbia Rosa Oliva, presidente della Pro Loco Amo Stromboli. Stamattina, quando si è svegliata nella sua casa a Stromboli, la strada era invasa da detriti e fango. Fiumi di sabbia e terra che sono venuti giù dal vulcano a causa del nubifragio che questa notte si è abbattuto sull'isola. 

Si procede al momento con pale e mezzi di fortuna procurati dagli stessi abitanti. Sono arrivati i primi vigili del fuoco da Lipari mentre una nave approderà a breve con altre unità di soccorso. "Non ci sono danni a civili - dice all'Adnkronos il dirigente del dipartimento della Protezione civile regionale Salvo Cocina che ancora non è riuscito a raggiungere l'isola in elicottero a causa del maltempo - Decine di persone sono già a lavoro sul posto, vigili del fuoco sono arrivati sull'isola da Lipari e da Vulcano, si sta lavorando con i bobcat per rimuovere il fango e stiamo cercando di portarne altri dalla terraferma appena le condizioni del mare lo permetteranno". Inutile pensare all'impiego di mezzi pesanti. "Le stradine di Stromboli - spiega Cocina - sono troppo piccole e non potrebbero operare". 

Ma è anche emergenza ambientale. Sacchi, vestiti, plastica, materassi e rifiuti di ogni tipo sono finiti sulla spiaggia Lunga di Stromboli dove il nubifragio di questa notte ha riversato a pochi passi dal mare i rifiuti che si trovavano nella vecchia discarica. Dalla montagna, trasportati dalla pioggia incessante, sono scesi fiumi di fango e detriti che hanno invaso le stradine dell'isola e le case. Una cinquantina le persone costrette a lasciare le loro abitazioni, mentre volontari, abitanti, vigili del fuoco, carabinieri e protezione civile sono a lavoro da ore, con l'ausilio di bobcat. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nubifragio a Stromboli, si lavora per rimuovere il fango ma resta la rabbia: "Disastro annunciato"

MessinaToday è in caricamento