menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quarantuno ricoveri tra Policlinico e Papardo per Covid-19, i numeri dei posti letto occupati restano bassi

Abbiamo tirato un bilancio sulla disponibilità dei nosocomi per i pazienti affetti da coronavirus, i più gravi sono sei e tutti in Rianimazione al Centro di viale Gazzi. Raggiunto al momento il 10% dell'offerta sanitaria nella provincia messinese

In tutta la provincia i positivi al coronavirus sono più di ottocento. E' un numero importante ma che al momento, guardando ai soli ricoverati, 41, tra Policlinico universitario e Papardo, tocca il 10% dell'offerta sanitaria provinciale per chi necessita di un controllo clinico costante. Sono 35 i ricoveri al nosocomio di viale Gazzi e di questi sono sei in condizioni più gravi, in Terapia intensiva. All'ospedale Papardo sono sei in totale al momento i ricoverati. E' questa la fotografia attuale dei pazienti affetti da Covid-19 e che necessitano dell'aiuto del respiratore artificiale in Rianimazione o di verifica medica quotidiana e non possono restare isolati in casa. Al Policlinico i posti letto in Malattie infettive sono saturi ma sono a disposizione una ventina in Rianimazione; un centinaio in totale i ricoveri che possono essere attivati al Policlinico 

L'Asp, attraverso le direttive dell'assessorato regionale alla Sanità, può mettere a disposizione quattrocento posti letto: cento al Policlinico, 40 al Papardo, sessanta al "Cutroni Zodda" di Barcellona Pozzo di Gotto e gli altri in strutture private, se ce ne sarà bisogno, accreditate con il sistema sanitario regionale. A Barcellona sono stati completati i lavori per dieci posti di terapia semintensiva, è stato dato l'incarico di progettazione per dieci posti di terapia intensiva, il progetto esecutivo verrà consegnato all'Asp di Messina entro la fine del mese con tempi di realizzazione di circa tre mesi. Barcellona sarà a disposizione se i nosocomi del capoluogo non potranno più ospitare pazienti affetti da coronavirus. Per l'assistenza ordinaria nella provincia tirrenica sono già scattate da giorni i trasferimenti dal Cutroni Zodda a Milazzo. 

Fase 2 dell'emergenza, 400 i posti letto distribuiti nel Messinese 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento