rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Cronaca

Edilizia scolastica e trasporti, licei messinesi in agitazione

Giorno di protesta per gli studenti degli istituti Maurolico, Archimede mentre al La Farina è scattata l'occupazione. Aule deserte per sollecitare l'intervento delle istituzioni

Tre proteste distinte, ma unite da un unico filo conduttore. Quella di oggi è stata una mattinata movimentata per gli studenti di tre licei messinesi che hanno scelto di interrompere le lezioni e accendere ancora una volta i riflettori sulle criticità legate all'edilizia scolastica e al trasporto pubblico. Al "Maurolico" gli studenti hanno organizzato una manifestazione disertando le aule e unendosi nella battaglia affinché vengano risolti i problemi strutturali delle scuole messinesi. Infiltrazioni d'acqua e cedimenti dell'intonaco i problemi più comuni. "Già in passato - ha spiegato il rappresentante Jacopo Varrica - abbiamo provato a sollecitare gli organi competenti di comune accordo con la dirigenza scolastica. Ma finora non c'è stata alcuna risposta e anche a nome dei compagni degli altri istituti domani protesteremo con un sit-in simbolico nel pieno rispetto delle misure anti-Covid".

Stesso clima al liceo "Archimede" dove gli studenti, guidati dalla rappresentante Alba Buccheri si sono confrontati con la preside Laura Cappuccio. Anche in questo caso, all'ordine del giorno del proficuo dialogo tra le parti, i problemi legati all'edilizia scolastica e al servizio di trasporto pubblico di cui si servono ogni giorno centinaia di studenti.

I ragazzi del "La Farina" hanno invece deciso di spostarsi simbolicamente nel cortile interno e decretare l'occupazione. Mascherina in volto e distanziamento assicurato durante la protesta che ha visto gli alunni sedersi in terra e invocare la riapertura della biblioteca e il riconoscimento di un'area utile per la socializzazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia scolastica e trasporti, licei messinesi in agitazione

MessinaToday è in caricamento