Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

"Non sono io quello del video”, il presunto omicida della clochard nega tutto davanti al gip

Non si è riconosciuto neanche nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza, Pietro Miduri, il senzatetto originario di Augusta, indiziato per la morte di Concetta Gioè. Si cerca ancora l'arma del delitto. Oggi il conferimento dell'incarico per l'autopsia

Si è conclusa l’udienza di convalida davanti al gip Eugenio Fiorentino dopo l’arresto del 70enne Pietro Miduri, fermato dai carabinieri per l’omicidio della 68enne Concetta Gioè, trovata morta venerdì scorso sulle scale della chiesa di Santa Caterina.

L’uomo, un senzatetto originario di Augusta e con precedenti penali, ha partecipato in videoconferenza dal carcere di Trapani assistito dall’avvocato Ketty Terranova, ma – contrariamente a quanto circolato in un primo momento – ha negato ogni addebito confermando quanto detto in fase di interrogatorio davanti al procuratore aggiunto Vito Di Giorgio e al sostituto Piero Vinci: della morte della clochard non ne sa nulla.

A Miduri sono state mostrate le immagini catturate dalle telecamere di videosorveglianza ma l’uomo non si è neanche riconosciuto in quei frame e ha detto di non essere lui, dando però solo indicazioni generiche su possibili alibi.

Il Gip  si è riservato di decidere mentre continuano serrate le indagini dei carabinieri per sciogliere tutti i nodi della vicenda, compresa l’arma del delitto che non è stata ancora trovata.

Nuovi elementi potrebbero arrivare  dall’autopsia. L’incarico sarà conferito oggi pomeriggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non sono io quello del video”, il presunto omicida della clochard nega tutto davanti al gip

MessinaToday è in caricamento