Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Accoltellò a morte Ylenia Bonavera, Daniela Nicotra condannata a 18 anni

La sentenza d'appello nei confronti della donna catanese amica della vittima. Confermato il verdetto di primo grado

Nessun ribaltamento in Appello. Daniela Nicotra dovrà scontare 18 anni di carcere per aver ucciso l'amica Ylenia Bonavera al culmine di una lite avvenuta a Catania quasi tre anni fa. Questa mattina la sentenza di secondo grado celebrata al tribunale di Catania che di fatto conferma quanto già stabilito in Assise dai giudici nel giugno del 2022 in rito abbreviato. Nicotra dovrà inoltre risarcire la madre di Ylenia, Nunziatina Giorgio Piluso, difesa dall'avvocato Vittoria Santoro. Al padre della ragazza messinese andranno ventimila euro mentre per ogni fratellio è stata disposta una provvisionale di 5mila euro. A difendere i loro interessi è stato il legale Rosy Spitale. 

"La conferma della sentenza di primo grado ci soddisfa - spiega l'avvocato Santoro - ma reati così efferati dovrebbero essere giudicati con riti ordinari e non in abbreviato. E la pena non può che essere l'ergastolo. Di omicidi del genere purtroppo ne sentiamo sempre di più ogni giorno. L'unico ergastolo, di dolore, è invece per i familiari della povera Ylenia".

Nicotra ad aprile 2021,era stata invece  dichiarata “imputabile” dopo una serie di accertamenti psichiatrici. Secondo il perito, il professore Eugenio Auguglia, la donna che deve rispondere di omicidio volontario aggravato, "al momento dei fatti, non era presente alcuna patologia psichiatrica tale da escludere o grandemente scemare l'imputabilità della perizianda". Lo scorso luglio la richiesta di una nuova perizia presentata dalla stessa Nicotra tramite il suo legale Giuseppe Lipera.

La vicenda

Il 10 dicembre 2020 Ylenia Bonavera e la 36enne Daniela Nicotra litigano in strada nel quartiere San Cristoforo di Catania. La donna improvvisamente colpisce al collo Ylenia. La ragazza viene trasportata al pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi dove muore poco dopo. Una scena raccapriciante immortalata anche da un video, elemento utile per le indagini. Poco dopo la svolta nelle indagini con la stessa Nicotra in Questura a raccontare quanto avvenuto quella sera. Poi il processo con la Nicotra ad affermare di aver agito per legittima difesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltellò a morte Ylenia Bonavera, Daniela Nicotra condannata a 18 anni
MessinaToday è in caricamento