rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

Operazione Bratislava, doping a Villafranca e Messina: reggono le condanne in Appello

Due assoluzioni e tre sconti di pena al processo scaturito dall’operazione che  nel 2016 portò la Squadra Mobile di Messina a smantellare un vasto traffico illegale di sostanze anabolizzanti tra la città e la provincia

Cinque condanne confermate, due assoluzioni e tre pene ridotte. Si conclude così in Corte d’appello il processo scaturito dall’operazione Bratislava che  nel 2016 portò la Squadra Mobile di Messina a smantellare un vasto traffico illegale di sostanze anabolizzanti tra la città e la provincia. 

Dalle indagini coordinate dal sostituto procuratore Diego Capece Minutolo, emerse che in alcune palestre di Messina e Villafranca Tirrena, agli atleti insieme ai piani di allenamento venivano prescritte anche sostanze pericolose. In quell’occasione furono sequestrate anche due palestre.

Oggi la Corte d’Appello, in parziale riforma della sentenza emessa il 28 febbraio, ha assolto Patrizia Mirabile e Simone Pellegrino per non aver commesso il fatto, rideterminato la pena per Viola Wender e Giovanni Radessich a un anno e sei mesi di reclusione e 500 euro di multa ciascuno, concedendo le attenuanti generiche ed estendendo la sospensione condizionale concessa in primo grado anche alla pena pecuniaria, rideterminata la pena anche per Antonino Settimo a un anno e sei mesi di reclusione e 300 euro di multa. Confermate invece le condanne per Mario Amato, Domenico Battaglia, Girolamo Grasso, Rosario Mesiti e Giuseppe Pellegrino.

In primo grado furono dieci le condanne: Mario Amato, 2 anni e 8 mesi; due anni e 8 mesi di reclusione anche per Domenico Battaglia; due anni e 10 mesi per Girolamo Grasso; due anni e 8 mesi per Rosario Mesiti; due anni e un mese per Patrizia Mirabile, due anni e 10 mesi per Giuseppe Pellegrino; due anni e due mesi per Simone Pellegrino; due anni di reclusione per Giovani Radessich; due anni e due mesi per Antonino Settimo; due anni di reclusione per Viola Wender.

Impegnati nelle difese gli avvocati Salvatore Visalli,  Alessandro Billè, Roberto Materia, Giuseppe La Face, Nino Cacia, Tommaso Calderone, Cinzia Picciolo, Pietro Giordano,  Concetta Panarello, Alessandro Faramo, Diego Lanza, Salvatore Silvestro, Alfonso Maria Parisi e Antonello Scordo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Bratislava, doping a Villafranca e Messina: reggono le condanne in Appello

MessinaToday è in caricamento