Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca Santa Lucia sopra Contesse

Sesso in cambio di cocaina, la gestione dei clienti a Santa Lucia sopra Contesse

L'operazione "Knock down" ha messo in luce la poderosa attività di spaccio e la capacità degli indagati di reperire anche ingenti quantitativi di stupefacente ceduto in cambio di rapporti sessuali

Un’articolata associazione criminale, operante a Santa Lucia sopra Contesse dedita alla gestione di un traffico di droghe di varie tipologie, destinate ad essere immesse sul mercato messinese. Questo il quadro che è emerso dopo l'operazione "Knock down" che ha portato all'arresto 5 persone, ai domiciliari altrettante e un indagato all'obbligo di dimora. A raccontare uno spaccato di vita dei soggetti coinvolti e la dedizione allo spaccio dei "capi" del gruppo una vicenda che riguarda la cessione di crocaina a una donna di nome Zema, in cambio di un rapporto sessuale con Matteo Fiore. 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti il 10 aprile 2019 Fiore avrebbe incontrato la donna, precedentemente conosciuta, insieme a una terza persona. Zema era in cerca di sostanza stupefacente. "Vuoi la cosa?", chiede Fiore. "Eh!", risponde la donna. "Sali! Tu (rivolgendosi alla terza persona) aspetti qua!", dice ancora Matteo. La donna si era rivolta a Fiore perché non aveva soldi, consapevole che avrebbe comunque potuto ottenere la cocaina in cambio di un rapporto sessuale. Dalle intercettazioni emerge che Zema si sarebbe rivolta a un altro spacciatore che praticava prezzi troppo alti. 

"Volevi la cosa senza soldi?", dice ancora Fiore. "Praticamente non ne ho.." risponde Zema. "Tu sai dove si deve andare", provoca Fiore. "Ma io non sono andata perché sinceramente l'ultima volta che sono andata non ti dico come si è comportato..", risponde Zema. "Con quaranta euro praticamente, cioè forse manco 0,3 c'era quindi.. io poi sono così: se sgarri una volta mi hai persa! Con tutto che è buonissima e tutto quello che vuoi". 

Secondo gli inquirenti lo stralcio della conversazione lascerebbe comprendere che l'oggetto della trattativa riguardasse la natura della sostanza, in rapporto a prezzo e grammi corrisposti dall'anonimo fornitore. Sono le captazioni ambientali a far evincere che i due hanno un rapporto sessuale subito dopo aver concordato il tipo di sostanza. Subito dopo i due si sarebbero recati a casa di Salvatore Arena dove Fiore prende la "cosa" che dà immediatamente a Zema. Una consegna di cui Salvatore Arena non avrebbe dovuto sapere niente. Fiore spiega alla donna, infatti, di non rivolgersi direttamente ad Arena, "perché altrimenti lo capirebbe", dice a Zema. 

L'anonimo fornitore di Zema, che le aveva venduto la cocaina a 40 euro, sarebbe stato proprio Salvatore Arena. Circostanza comunque non confermata dagli inquirenti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesso in cambio di cocaina, la gestione dei clienti a Santa Lucia sopra Contesse

MessinaToday è in caricamento