rotate-mobile
Cronaca

Operazione Provinciale, fissata l'udienza in Appello

Si torna in Aula il prossimo febbraio dopo le condanne di primo grado. In tutto sono 29 gli imputati dopo il blitz antimafia che ha colpito tre clan attivi in città

Si apre un nuovo capitolo del processo che segue la maxi operazione Provinciale con cui le forze dell'ordine, nell'aprile 2021 hanno sgominato tre clan attivi in varie zone della città. Un blitz che ha portato a 33 arresti e sequestri. I reati contestati sono di associazione di tipo mafioso, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, sequestro di persona, scambio elettorale politico-mafioso, lesioni aggravate, detenzione e porto illegale di armi, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso.

Il prossimo 14 febbraio si aprirà l'udienza in Appello per i 29 imputati. A marzo di quest'anno la sentenza in Assise. Le più pesanti condanne in primo grado hanno riguardato Giovanni Lo Duca, Giovanni De Luca, Salvatore Sparacio, Vincenzo Gangemi condannati a vent'anni. Il giudice Claudia Misale per coloro che avevano chiesto il giudizio abbreviato ha emesso ha applicato pene più pesanti rispetto alle richieste dell'accusa. 

Le condanne in primo grado

Undici anni di reclusione a Mario Alibrandi, sedici anni a Emmanuele Balsamo, due anni e due mesi a Carlo Cafarella, due anni e quattro mesi ad Antonia Cariolo, sedici anni a Ugo Ciampi, due anni e due mesi a Letterio Cuscinà, dodici anni a Tyron De Francesco, otto mesi a Rossella De Luca, dodici anni a Giuseppe Esposito, venti anni a Vincenzo Gangemi, otto anni a Emanuele Laganà, otto mesi a Graziella La Maestra, dieci anni e otto mesi ad Anna Lo Duca, dodici anni a Giuseppe Marra, otto anni a Domenico Mazzitello, otto anni a Mario Orlando, otto anni a Ernesto Paone, quindici anni a Francesco Puleo, otto anni a Maria Puleo, quindici anni a Domenico Romano, quindici anni ad Antonio Scavuzzo, nove anni a Kevin Schepis, due anni e due mesi a Antonio Soffli, quattro anni a Francesco Sollima, undici anni a Giuseppe Surace, tredici anni a Giovanni Tortorella. 

Parte civile al processo l'associazione Addio Pizzo. Il collegio difensivo è formato dagli avvocati Salvatore Silvestro, Maria Cinzia Panebianco, Giuseppe Bonavita, Antonello Scordo, Alessandro Trovato, Antonino Favazzo, Tancredi Traclò, Tindaro Celi, Giovanna Araniti, Signorina Frisenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Provinciale, fissata l'udienza in Appello

MessinaToday è in caricamento