rotate-mobile
Cronaca

Operazione "Ultimo brindisi", tre i messinesi sotto indagine colpiti da misure interdittive

Secondo quanto accertato a capo dell'associazione a delinquere ci sarebbe stato il 41enne incensurato Filippo Intelisano. E' figlio di un esponente del clan mafioso Santapaola

Tra i nomi degli indagati dell'operazione "Ultimo brindisi" e le misure cautelari adottate nell'operazione "Ultimo brindisi" eseguita dalla guardia di finanza questa mattina, tra Catania e Palermo ci sono messinesi. Misure interdittive sono state comminate anche a Rosa D'Amico di Merì, Carmine Costantino di Terme Vigliatore e Gabriele Natale Costantino di Barcellona Pozzo di Gotto. Secondo quanto accertato durante le indagini, a capo dell'associazione a delinquere ci sarebbe stato il 41enne incensurato Filippo Intelisano. E' figlio di esponente del clan mafioso Santapaola attualmente detenuto in regime di 41 bis nel carcere di Sulmona. Le sedi con società di capitali coinvolte nell'inchiesta erano anche nel Messinese.

Dieci persone arrestate, 17 divieti di esercitare l'attività d'impresa e il sequestro di 30 milioni di beni nei confronti di 17 società e di 25 indagati. E' il bilancio dell'operazione "Ultimo brindisi" della Guardia di finanza di Catania, coordinata dalla Procura europea di Palermo, nei confronti di un'organizzazione che avrebbe illecitamente commercializzato bevande in Italia evadendo l'Iva. L'ordinanza è stata eseguita da finanzieri nelle province di Venezia, Vicenza, Messina, Siracusa, Salerno, Roma, Padova, Rieti, L'Aquila e Milano. Tra gli indagati anche il figlio incensurato di un boss del clan Santapaola.

Operazione "Ultimo brindisi", l'inchiesta 

Gli arresti

Custodia cautelare in carcere per i seguenti indagati: Filippo Intelisano (Catania), Milena Bulla (Catania), Fabio Spina(Catania) , Vincenzo e Andrea Maria Carelli (Catania), Concordio Malandrino (Salerno). Sono stati disposti gli arresti domiciliari per Virgilio Papotto (Catania), Christian Parisi (Catania), Gianluca Russo (Catania), Settimo Carlo Abate (Paternò).

Misure interdittive

Le misure interdittive emanate riguardano invece: Antonio Di Giorgio (Catania), Domenica D’Agata (Catania), Marzia Concetta Greco (Catania), Enrico Romeo Liotta Guarnieri (Catania), Carmela Anfuso (Catania), Sebastiano Piro (Acireale), Pietro Agatino Mazzeo (Catania), Francesco Marino (Catania), Claudio Ricci (Roma), Alessandro Brugnoli (Roma), Marco Ziccardi (Roma), Fabio Zagolin Bettin (Padova), Roberta Indraccolo (Milano), Giuseppe Angemi (Catania), Rosa D’Amico (Merì), Carmine Costantino (Terme Vigliatore), e Gabriele Natale Costantino (Barcellona Pozzo di Gotto).

Fonte CataniaToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Ultimo brindisi", tre i messinesi sotto indagine colpiti da misure interdittive

MessinaToday è in caricamento