Cronaca

Zona rossa alla De Luca dal 18 al 28 gennaio, la nuova ordinanza: sospeso l'asporto e chiuse le scuole

Il primo cittadino ha illustrato i dettagli del provvedimento che entrerà in vigore lunedì prossimo, vendita solo a domicilio per bar e ristoranti. I plessi non apriranno, fasce orarie per lo sport, chiusi ma dal 20 gennaio barbieri e parrucchieri

Il sindaco Cateno De Luca

"Ci aspettavamo da Musumeci provvedimenti restrittivi più stringenti, da lunedì invece scuole aperte, Messina ha un quadro desolante, in questo quadro si inserisce la nostra ordinanza": nuova diretta social del sindaco De Luca subito dopo l'incontro con i consiglieri comunali presenti. La seduta straordinaria del pomeriggio è saltata per mancanza del numero legale. Con un gruppo dei presenti si è tenuta una riunione limando alcuni aspetti del testo. Il sindaco ha evidenziato il numero delle vittime nel capoluogo negli ultimi 4 mesi che hanno avuto una crescita esponenziale. "La situazione è tragica anche per l'occupazione dei posti letto nei nostri ospedali, si liberano posti nelle Terapie intensive per via delle morti - ha detto - ci ritroviamo con questa pressione nella Rete ospedaliera, la Sicilia non ha lo stesso sistema strutturale sanitario della Lombardia e della provincia autonoma di Bolzano, così questa situazione ci porta al tracollo, se Luciano può prendersi il caffè a piazza Duomo vuol dire che può uscire perché le norme lo consentono, mentre dobbiamo fermarci, vi prego di seguirmi". 

Ordinanza sindacale dal 18 al 28 gennaio 2021

L'ordinanza richiama le norme in vigore nazionali e regionali. La validità è da lunedì 18 gennaio fino al 28 gennaio. Rispetto al divieto introdotto da Musumeci di recarsi in casa di parenti e amici De Luca ha inserito i casi strettamente necessari di dare assistenza a genitori. Attività motoria sportiva individuale con distanziamento dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 20. Chiuse ville e impianti sportivi. 

Negozi: sospensione attività al dettaglio fatta eccezione per edicole, tabacchi, farmacie e parafarmacie, carburanti dalle 8 alle 20 dal lunedì al sabato; sospese attività al dettaglio dell'allegato 23 del Dpcm fatta eccezione per: commercio al dettaglio per prodotti alimentari e bevande (supermercati, ipermercati), prodotti surgelati, locali di vendita sigarette elettroniche, negozi per alimenti di animali. Tutte le altre attività possono effettuare il servizio a domicilio. 

Ristorazione: Sospensione dei servizi di bar, pub, pasticcerie, gelaterie; divieto di vendita con asporto, sì alla consegna a domicilio. 

Scuole: Chiusura per tutti: asili, Primaria e Medie per consentire lo screening con tamponi. L'ordinanza Musumeci ne prevedeva l'apertura nell'ordinanza Sicilia zona rossa. Gli Istituti potrebbero riaprire l'uno febbraio in base anche all'andamento della curva epidemiologica.

Servizi alla persona: L'ordinanza in questo caso decorre da mercoledì 20 gennaio; è disposta la sospensione delle attività compresi quelli dell'allegato 24 del Dpcm gennaio 2021 ad eccezione di pompe funebri. Barbieri e parrucchieri chiusi fino al 28 gennaio. 

Edilizia privata: Sospesa dal 20 gennaio al 28 tranne per interventi non rinviabili. 

Caf, Patronati e liberi professionisti: concessa l'apertura dei locali dalle 8 alle 16, i professionisti potranno incontrare i clienti in questa fascia oraria. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona rossa alla De Luca dal 18 al 28 gennaio, la nuova ordinanza: sospeso l'asporto e chiuse le scuole

MessinaToday è in caricamento