Sabato, 23 Ottobre 2021

Ordinanza sul coronavirus, De Luca: “Si lavora in sinergia con la prefettura ma state a casa”

Il sindaco “ricuce” col Palazzo di Governo e fa leva sul senso di responsabilità: “Momenti delicati”. Il M5Stelle: “Non servono scontri istituzionali, si proceda con la sanificazione di strade e arredi urbani”

Un chiarimento col prefetto di Messina su quelli che sono “gli asseriti contrasti” col Dpcm del presidente del Consiglio e ancora un invito a rimanere a casa. Lo ha comunicato lo stesso sindaco di Messina Cateo De Luca rassicurando sulla collaborazione “che continua con il Palazzo del Governo” ma insistendo sulla necessità di rimanese a casa e non sottovalutare la situazione. “Sono momenti molto delicati”.  

Stasera si darà contezza delle ultime disposizioni per contenere il contagio da Coronavirus che secondo i dati della Regione (alle ore 12 di oggi venerdì 13 marzo), vede ricoverati 44 pazienti (dieci a Palermo, quindici a Catania, sei a Messina, uno a Caltanissetta, quattro ad Agrigento, due a Enna, due a Siracusa  e quattro a Trapani) di cui solo 7 in terapia intensiva, mentre 82 sono in isolamento domiciliare, due sono guariti e due deceduti.

“La nostra posizione sarà di estrema cautela”, ha detto De Luca a cui il M5Stelle ha rivolto un appello affinché emani un’ordinanza contingibile e urgente per la tutela della salute pubblica: «Invitiamo il primo cittadino, nella sua qualità di massima autorità sanitaria locale, come lo stesso ha più volte specificato, ad intervenire con estrema urgenza per sanificare le strade, i marciapiedi e gli arredi urbani di Messina, seguendo l’esempio del Comune di Milazzo, che per primo in Sicilia ha provveduto ad avviare un’iniziativa di questo genere su vasta scala. Si tratta di un provvedimento necessario a fronte della capacità del Covid-19 di sopravvivere a lungo su determinate superfici. Adesso è il momento di dire basta alle polemiche e di agire con atti concreti».

Secondo i consiglieri comunali pentastellati che fanno appello alle istituzioni perchè si lavori in piena sinergia  “Gli scontri istituzionali e le tensioni politiche in questo momento non servono a niente e a nessuno. È fondamentale lavorare in sinergia remando tutti quanti nella stessa direzione, nell’esclusivo interesse della cittadinanza, evitando allarmismi e polemiche che possono destabilizzare in qualsiasi modo la popolazione”. 

“A fronte di una pandemia mondiale e in previsione di un possibile “picco” dei contagi, è fondamentale scongiurare qualsiasi fuga in avanti - conclude il M5Stelle - Il rischio che si corre è quello di alimentare oltremodo la paura, già esasperata da fake news e toni inappropriati”, proseguono, citando come esempio virtuoso gli interventi brevi, diretti e pacati del premier Giuseppe Conte nelle sue comunicazione istituzionali. 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Ordinanza sul coronavirus, De Luca: “Si lavora in sinergia con la prefettura ma state a casa”

MessinaToday è in caricamento