Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Maestra sospesa per aver fatto recitare un'Ave Maria, l'assessore Turano: "La prendo come consulente"

Sulla vicenda della docente di Oristano interviene ora anche l’assessore all’Istruzione della Regione Siciliana

Venti giorni di sospensione per una preghiera. È il provvedimento disciplinare inflitto ai danni di Marisa Francescangeli, maestra nella scuola primaria di San Vero Milis (Oristano), dopo che il 22 dicembre 2022 ha recitato una Ave Maria e un Padre Nostro con i suoi studenti per fare loro gli auguri di Natale. Oltre alla sospensione, le sarà anche ridotto lo stipendio. Sulla vicenda interviene ora anche l’assessore all’Istruzione della Regione Siciliana Mimmo Turano. “La maestra sospesa per le preghiere in classe la prenderò come consulente” dice in un video pubblicato sui social.

Nel video l’assessore all’istruzione siciliana rimarca: “è incredibile quanto succede in Italia, la maestra che conosce Matteo Messina Denaro viene sospesa per dieci giorni mentre una maestra che fa recitare le preghiere in classe durante il periodo natalizio viene sospesa per 20 giorni”. “Che senso ha! - sbotta ancora l’assessore - io la prendo come consulente!”. 

VIDEO | Turano: "Maestra sospesa per le preghiere? A lei 20 giorni di stop, a chi stava con Messina Denaro 10"

Francescangeli si trovava in un'aula per sostituire un suo collega e, visto che era Natale, ha deciso di far realizzare ai bambini un braccialetto rosso per rappresentare il rosario. Poco prima del suono della campanella, la maestra ha fatto gli auguri di Natale ai bambini: "Abbiamo recitato assieme il Padre nostro e l’Ave Maria. Insomma, per me normalità, non mi sembrava di avere fatto nulla di grave". Tuttavia, evidentemente qualcuno non ha gradito. Passate le feste infatti due mamme si sono lamentate con il dirigente scolastico dell'istituto, e la docente è stata convocata a un incontro con i genitori e il preside.

Francescangeli si sarebbe perfino scusata per il gesto, ma avrebbe anche dichiarato che - all'inizio dell'anno scolastico - aveva chiesto il permesso di poter recitare con i bambini delle preghiere e nessuno dei genitori si sarebbe mai opposto. La docente è stata convocata in presidenza lo scorso 2 marzo 2023 per firmare la notifica di sospensione di 20 giorni, a cui è conseguita anche una diminuzione dello stipendio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestra sospesa per aver fatto recitare un'Ave Maria, l'assessore Turano: "La prendo come consulente"
MessinaToday è in caricamento