Cronaca

Ospedale Papardo, Uil lancia l'allarme: "Personale insufficiente per gestire i malati terminali"

Turni massacranti e impossibilità a sostituire i colleghi in ferie per gli infermieri e gli operatori dell'Hospice. La denuncia dei sindacalisti Pippo Calapai e Carmelo Runci

Carenza di personale e turni massacranti per infermieri e operatori sociosanitari che lavorano all'interno dell'hospice dell'ospedale "Papardo". La struttura ospita offre cure e assistenza continua ai malati terminali, i pazienti da gestire con maggiore attenzione vista la particolarità della loro condizione.

Tutto questo però rischia di non avvenire. La Uil-Fpl, infatti, denuncia la cronica carenza di infermieri e operatori e l'impossibilità di sostituire il personale in ferie o malattia. "I dipendenti - spiegano i segretari Pippo Calapai e Carmelo Runci -  si trovano costretti ad effettuare ulteriori turni con notevole sovraccarico di lavoro. Riteniamo che tali circostanze in un paese civile andrebbero evitate, adoperandosi affinché non subisca mai riduzioni l’assistenza ospedaliera in modo particolare nei reparti in cui sono ricoverati pazienti particolarmente fragili bisognevoli  non solo di cure palliative ma, anche di assistenza  tecnico alberghiera, per sollevarne almeno il morale".

I due sindacalisti si rivolgono direttamente all'Asp  "al fine di ristabilire un clima di serenità tra il predetto personale, chiede l'immediato intervento della direzione generale di codesta azienda così da  superare la succitata problematica, ristabilendo il numero idoneo di infermieri ed Oss tali da garantire i livelli adeguati di assistenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Papardo, Uil lancia l'allarme: "Personale insufficiente per gestire i malati terminali"

MessinaToday è in caricamento